A Bagnolo Cremasco moderni Indiana Jones cercano un misterioso tesoro

A Bagnolo Cremasco moderni Indiana Jones cercano un misterioso tesoro

Tanti, intriganti, misteriosi, curiosi, studiosi, poco propensi a farsi riconoscere, quindi indagatori in incognito provetti. Di cosa parlo? Ma di veri e propri Indiana Jones moderni, armati dei più moderni mezzi tecnologici ed esperti d’elettronica più o meno digitali che, da anni girano l’Italia (e non solo) in largo e in lungo alla ricerca di eventuali tesori, misteri e intrighi.

Udite, udite, tra i luoghi e le località più frequentate da questi ricercatori di reperti c’è anche Bagnolo Cremasco, laddove, in particolare, le ricerche sono concentrate nei pressi della chiesa parrocchiale: nel Settecento pare infatti che il brigante Giuseppe Barganzi possa avere sotterrato un tesoro (lo direbbe una lettera, scritta dallo stesso Barganzi in fin di vita, trovata negli archivi della canonica e datata 1791) ai tempi che furono. Sul vicino lago di Garda invece si ricerca una città sparita nel nulla, la misteriosissima Benaco (tutti alla Baia del Vento a San Felice dunque) con le sue immense e presunte ricchezze. Ah … badate che lo Stato diventa proprietario di qualsiasi bene ritrovato sottoterra o in acqua. Allo scopritore cosa va? Un premio calcolato in percentuale (1/4) sul valore dei vari ritrovamenti.

Stefano Mauri

(Visited 161 times, 40 visits today)