A due centimentri dal punto G della questione

A due centimentri dal punto G della questione

Ci passa?

Ci passa ci passa!

E la gioiosa macchina comunale si schiantò sull’angolo.

Ma avevi detto che ci passava?

Eh avevo misurato. C’erano un 2 centimetri abbondanti.

Invece i 2 centimetri non c’erano. O c’erano. Alle volte 2 centimetri fanno la differenza tra arrivare o non arrivare al punto G della questione. E allora sono tre giorni che in piazza sulla scala a chiocciola del palazzo comunale non c’è nessuno. Sono tutti a misurare il varco di accesso delle macchine dove per colpa dei due centimetri che c’erano e non c’erano il Grosso e l’Architetto hanno schiantato la macchina contro uno spigolo.

Oh, l’avevo detto che non c’erano quei due centimetri.

Si affaccia dal balcone del suo ufficio, dove si sospetti che giochi al pallone il Giovin assessur, che non è più tanto giovane neppure lui. Ormai si sussurra, come direbbero quelli grandi che sono tipo in 3, che abbia una lombo sciatalgia che lo ha costretto ad appendere il pallone al chiodo, bucandolo.

Dicevamo sono tutti in piazza a misurare e rimisurare, si sa è una roba da uomini misurare. Fuorigioco, virilità e altre amenità che fanno la differenza solo nella loro testa.

Si e sulla porta della mia macchina,

dice il Grosso,

ero convinto che ci passasse. Invece no.

E mentre sono tutti lì a litigare per i due proverbiali centimetri solo due non ci sono.

Si stanno menando alla grande in un vicoletto, dove nessuno sta a guardarli, anche perché in fondo che i due ex compagni di banco Adalberto da Giordano e Maruel delDragua si stiano menando da un paio di giorni non frega quasi nulla a nessuno. Infatti neppure mezzo comunicato è arrivato a spiegare perché si menano.

bruno mattei

(Visited 58 times, 59 visits today)