A questa malinconica Atalanta servono un mister giovane e Gian Bellani manager

A questa malinconica Atalanta servono un mister giovane e Gian Bellani manager

Mister Reja per carità è un pezzo di storia vivente del calcio italiano e un bravo professionista, ma forse per dare sul serio una scossa vitale a quest’Atalanta, ahimè sempre più cupa e triste, beh servirebbe affidare la panchina nerazzurra a un trainer dalle idee frizzanti (Giampaolo, Gattuso, Oddo?), a un mister in cerca di riscatto (Inzaghi?) oppure a una bella scommessa da panchina (Venturato, Sgrò o Vecchi?).

Insomma, tra qualche mese, a Bergamo la Dea merita di svoltare, senza buttare i soldi dalla finestra, senza fare il passo più lungo della gamba, senza promettere la luna, ma una svolta è auspicabile, che mantenere la categoria (applausi quindi al presidentissimo Percassi) è cosa buona e giusta, ma stagioni ad andamento lento come questa e quella passata ingrigiscono il meraviglioso popolo nerazzurro orobico.

Senza infine mettere in discussione l’operato del bravo direttore sportivo Sartori, ecco affiancargli (nel ruolo di general o team manager) un dirigente bergamasco rock che lo supporti alla Gianlauro Bellani (calciofilo capace) non sarebbe male. No? Addetto ai lavori elegante e competente, il buon Gian Bellani, prima ad Albano e poi a Crema, sponda Pergo, supportando l’opera del presidentissimo Stefano Bergamelli (con loro nelle vesti di ministro delle comunicazioni c’era il mitico Claudio Falconi) fece bene assai.

Stefano Mauri

(Visited 66 times, 27 visits today)