Addio a Mister Gigi Simoni, calciofilo perbene e allenatore pratico, pragmatico che meritava la A con la Cremo e uno scudetto

Addio a Mister Gigi Simoni, calciofilo perbene e allenatore pratico, pragmatico che meritava la A con la Cremo e uno scudetto

Allenatore del secolo della Cremonese, nominato nel 2003 in occasione del Centenario di fondazione della Cremo: ecco, il più grande rimpianto calcistico di Gigi Simoni, ex allenatore, ex dirigente ed ex calciatore che, al calcio italiano ha dato tanto, morto lo scorso 22 maggio, è legato proprio al club grigiorosso di Cremona. Nella sua ultima esperienza calcistica da dirigente proprio sulle rive cremonesi del fiume Po infatti, perentesi iniziata nel 2013 e terminata tre anni fa, Simoni nelle vesti di presidente e direttore tecnico, al patron Arvedi e ai tifosi grigiorossi avrebbe voluto regalare nuovamente la serie A, quella massima serie A conquistata e difesa da allenatore, della Cremonese agli inizi degli anni Novanta, da allenatore, ma purtroppo il sogno non gli è riuscito. Ma Luigi Simoni detto Gigi, colui il quale, alla faccia del difensivista (i critici lo consideravano tale) nella città dei violini regalò vittorie (compreso il prestigioso Trofeo Anglo Italiano nel 1993), prestazioni coinvolgenti (schierando tre punte talentuose contemporaneamente quali Tentoni, Florjancic e Chiesa) e la permanenza in A del team allora presieduto da Luzzara. Poi Simoni ha allenato pure l’Inter, l’Internazionale di Ronaldo il Fenomeno e nel 1998, sì … l’anno dell’ormai mitologico Juve – Inter del mancato rigore al Fenomeno, certamente avrebbe meritato lo scudetto, sicuramente non meritava l’esonero arrivano l’anno dopo reduce da un secondo posto e dalla vittoria della Coppa Uefa.

stefano mauri

(Visited 32 times, 32 visits today)