Alloni, che ho fatto di male a Maroni per prendere del pirla?

Alloni, che ho fatto di male a Maroni per prendere del pirla?

Consigliere regionale d’opposizione, ma soprattutto uomo di punta del Partito Democratico, Agostino Alloni, per un certo consenso positivo che riscuote in certi ambienti e ambiti di destra, centro e sinistra beh potremmo tranquillamente soprannominarlo, senso positivo quindi, Il Trasversale. Con lui abbiamo scambiato nuovamente quattro chiacchiere.

Con l’Expo alle porte, anziché parlare di famiglia, la Regione non dovrebbe parlare della rassegna internazionale che inizierà a maggio?

Sarebbe ora che il Pirellone inizi appunto a fare ciò che dovrebbe fare da tempo: coordinare le varie iniziative provinciali e locali in chiave Expo 2015.

Che affetto ti ha fatto vedere che al famoso dibattito pro famiglia ha partecipato anche don Mauro Inzoli?

Non voglio speculare in merito, dico soltanto che forse non era quello il modo per parlare di nucleo familiare. Tra l’altro è stato dato pure una sorta di patrocinio Expo all’iniziativa e non era proprio il caso. Con mia moglie, ero alla contromanifestazione quella contro l’iniziativa omofoba regionale.

E per questo ti sei beccato del pirla dal Governatore Maroni…

Esatto considerando che lui ha definito quattro pirla quanti sono intervenuti alla manifestazione cui ho aderito.

Dall’esterno noi comuni mortali non abbiamo avvertito il cambio di passo dall’esecutivo Formigoni a quello Maroni.

Il nuovo presidente non riesce a fare squadra e non è determinante nelle scelte come il predecessore, il quale, pur con metodi discutibili sapeva far quadrato. Le riforme tanto sbandierate poi o fanno acqua o non decollano.

Avresti votato come Gianni Rossoni l’opposizione al cosiddetto taglio dei vitalizi.

Assolutamente no quel provvedimento, voluto fortemente dal Pd, io l’ho votato.

Intanto a Crema i treni da e per Milano accumulano ancora e spesso ritardi epocali…

Fino a quando non faranno un bando europeo per aprire ad eventuali altri soggetti privati la possibilità di mettere nuovi treni sui binari sarà sempre così. La situazione è disastrosa su parecchie ferrovie e su scala nazionale, in giro purtroppo ci sono troppi convogli vecchi, servono un piano e una strategia industriale per affrontare la situazione con un piglio nuovo e diretto.

Parliamo di calcio cremasco: hai letto la recente lettera firmata dall’ex presidente del Pergo Sergio Briganti?

Dovrebbe smetterla di dire certe cose Briganti. Per carità non so cosa ci sia dietro, ma so che nel 2012, se non fosse intervenuto un nuovo soggetto, il club gialloblù sarebbe sparito dalla scena che conta.

Ac Crema 1908 e Pergolettese: la realtà cremasca può sopportare due compagini a certi livelli?

La coesistenza era ardua tanti anni fa, oggi è e sarà ancora più complicata.  

Stefano Mauri

(Visited 34 times, 5 visits today)