Beretta Vs. Zucchi, i pro e i contro della doppia candidatura del centro destra vista dalla due anime di Sussu

Beretta Vs. Zucchi, i pro e i contro della doppia candidatura del centro destra vista dalla due anime di Sussu

Scusate, ma non sarebbe forse stato meglio indire le Primarie tra Enrico Zucchi, Antonio Agazzi, Simone Beretta, Christian Chizzoli e Gianmario Donida per individuare il Candidato da anteporre a Stefania Bonaldi? Ciò detto, beh allo stato attuale tre sono i silenzi, nell’ambito del centrodestra, che fanno rumore. Quali? Il primo è proprio quello di Chicco Zucchi, candidatura (sostenuta da alcuni, non tutti, i poteri forti cittadini) intrigante e molto, molto interessante che, condizionale d’obbligo, se sostenuta a dovere da tutte le forze in essere beh forse avrebbe potuto spaccare. Questo senza nulla togliere a Simone Beretta, Antonio Agazzi e Donida, altre persone perbene. Ecco Zucchi (ha resuscitato l’Ac Crema 1908: impresa da Oscar) dopo aver comunicato la discesa in campo si è un pochino defilato. Tattica per annusare l’aria?

Donida? E’ lui il vero sconfitto di questo primo scorcio, onestamente deludente, di campagna elettorale Forzista? Mah, una volta trovato l’accodo, ammesso sia mai esistito, con la Lega Lombarda sì doveva, prima di Natale, presentare ufficialmente la sua candidatura e … studiare l’effetto che poteva provocare. No? I silenzi più rumorosi comunque sono due e rispondono ai nomi di Rossoni, vale a dire il grande sponsor politico di Zucchi e Massimiliano Salini. Già quel Salini che a fine ottobre convocò una bella e roboante conferenza stampa per poi … sospeso, mettersi a lato. Ebbene di quella conferenza sono rimasti solo gli echi. Non Trovate? Chiudendo e per chiudere, Zucchi manager capillare non è il male assoluto ed è un candidato valido. Ma alla fine siamo sicuri che da qui a fine febbraio, il centrodestra non individui un altro nome da schierare alle amministrative?

Stefano Mauri

 

Ci ha sorpreso la discesa in campo di Simone Beretta? Si e no. Da un po’ intuivamo la voglia di essere in campo in questa maniera. Credevamo che potesse lasciare il passo a Donida ma forse la situazione lo ha spinto a gettarsi. Candidatura di peso (e non è una battuta), uomo che conosce la città come le sue tasche, che ha delle reti notevoli, che conosce le magagne un po’ di tutti e le sa tirare fuori al momento giusto. L’unico forse in questo momento in grado di assicurarsi l’appoggio pieno del mastino Antonio Agazzi. Beretta è il Terminator del centro destra cremasco. Ma come si muoverà? Secondo noi cercherà addirittura di far desistere Zucchi e di arrivare alla chimera della coalizione unica per il centro destra cremasco.

Ci pare meno possibile che si metta a lavorare “contro”. Per fare un esempio: Zucchi segretario Asvicom? Bene vado da Confcommercio; Zucchi presidente Crema? Bene vado in curva dal Pergo. Probabilmente sarà molto più Caterpillar. Sicuramente avrà tanti detrattori ma anche i detrattori interni (e ne abbiamo già sentiti) sono (quasi) tutti contenti della sua discesa in campo. Ci certo saranno scintille.

Emanuele Mandelli

(Visited 63 times, 3 visits today)