Che confusione sarà perchè non ci amiamo, il pezzo notturno sulle beghe in Forza Italia (sennò scade)

Che confusione sarà perchè non ci amiamo, il pezzo notturno sulle beghe in Forza Italia (sennò scade)

Allora, maledizione. E’ la una pasata di sabato notte. Invece di guardare tette su xhamster scrivo dei casini interni in Forza Italia a Crema. Perchè? Perchè il pezzo rischia di scadere prima che lo pubblichi. Partiamo dalla fine. Ieri sera in fretta e furia mentre ero fuori a cena ho messo on line il testo di una delibera interna di Forza Italia scambiandolo per un comunicato. Un comunicato al veleno che di fatto esautora il coordinatore cremasco Gianmario Donida dal trattare per la scelta del candidato.

Per ora ho tolto la delibera, che immagino sarà stata letta e condivisa, perchè appunto è un documento interno. Oddio avrei anche potuto lasciarlo. Probabilmente domani sarà su La Provincia. O no. Vedremo domattina. Domani mattina Donida dovrebbe essere in città e cercheremo di sentirlo per capire che diavolo sta succedendo. Almeno ha promesso di concederci qualche battuta.

Adesso partiamo dall’inizio, di quest’ultima trance.

Tra venerdì e ieri coltelli tra i denti e notizie contrastanti. In mattinata La Provincia riporta il fatto che Crema e Cremona stanno per effettuare una doppia scelta, cosa che anche a noi era stata detta. A Crema si dice che il coordinamento dopo essere stato quasi compatto sulla scelta di Beretta adesso stia per scegliere Zucchi e che lo stesso Donida abbia scelto questa strada. La cosa è confermata dalle notizie che escono dal coordinamento delpomeriggio a Crema. Lo riporta Cremaonline. A Cremona invece scelgono di tenere duro su Beretta e di andare a trattare a Milano. Detto in poche parole che è sabato notte.

Quindi di prospetta questo scenario. Cremona tratta a Milano per Crema. I candidati rimangono due. Anche se si dice che entro martedì la convergenza su Zucchi sarà definitiva e finale. E qui arriva la delibera interna al veleno contro Donida che lo mette sul banco degli imputati. Ma può essere sollevato un coordinatore cittadino? Non so. Può essere bypassato da quello provinciale forse, questione di grado? Che a sua volta può essere bypassato da quello regionale che come alla fiera dell’est può essere bypassato da quello nazionale. Berlusconi scelga lei e facciamola finita.

Certo che è talmente veloce e liquida la situazione che è anche difficile stare appresso e dare un quadro chiaro e non commettere passi falsi (parlo di me ovvimente, Sussu rimane sempre un blog con rischi annessi e connessi). Certo che è sabato notte ed il pezzo apparirà un po’ sconnesso rispetto a quelli scritti con la luce del sole. Metto le mani avanti su eventuali errori di battitura.

Quindi parto facendomi alcune domande. Se Cremona tiene duro e la ratifica del passaggio da disponibilità a candidatura di Simone Beretta arriva in fondo si accetta di andare ad elezioni divisi sapendo che sarà una sconfitta? Se si converge su Zucchi che rischio c’è che anime civiche che potrebbero essere determinanti, che so Arpini, se ne escano con un ulteriore candidato riconducibile al centro destra? Se si converge su Zucchi uno come Antonio Agazzi che è stato sempre dichiaratamante contrario dira si obbedisco? Non da ultimo Donida maltrattato dalla delibera che farà?

Ammetto che anche se gioco a fare il giornalista analista politico locale in sto momento non ci sto capendo più nulla.

Emanuele Mandelli

(Visited 47 times, 10 visits today)