Clamoroso a Pandino: ma davvero uno striscione, quello dell’Armata Viscontea, beh ha alterato l’opposizione politica, creando un caso, insieme alla parata di maggio?

Clamoroso a Pandino: ma davvero uno striscione, quello dell’Armata Viscontea, beh ha alterato l’opposizione politica, creando un caso, insieme alla parata di maggio?

Allora lo scorso marzo, verso la metà del mese martoriato dal maledetto virus, ecco gli ultras della Luisiana Calcio, raccolti nel gruppo “Armata Viscontea”, sulla falsa riga di quanto avveniva ovunque nel mondo, per invitare a non mollare data la gravità della Panemia per Covid-19, sulle mura del Castello Visconteo esterne, attaccarono uno striscione con la scritta “la gente come noi non molla mai! Forza Pandino. Armata”! Questo gesto e, il raduno, sempre degli ultrà nerazzurri, datato (questo) lo scorso mese di maggio, a quanto pare hanno fatto saltare la mosca al naso all’opposizione politica, guidata da Maria Luisa Polig, alla maggioranza coordinata dal sindaco Bonaventi. Il motivo dello scontro? Per la minoranza, il lenzuolo è stato attaccato su un edificio storico, vincolato, senza autorizzazione, mentre la parata avrebbe violato le normative atte al contenimento del Covid-19. Ora … per quanto riguarda lo striscione: senza, per carità entrare nel merito, beh davvero, laddove tra l’altro si organizzano feste di partito, eventi e raduni: con annesse estensioni di bandiere, lenzuoli e insegne, la trovata dei tifosi può diventare un caso politico? Se però il gruppo guidato da Maria Luise Poli ha agito in tal senso, probabilmente tuttavia avrà le sue ragioni. Ma per un’opposizione agguerrita e costruttiva mah, servirebbero pure altre argomentazioni, no?

stefano mauri

(Visited 27 times, 27 visits today)