Crema2020 riassegnata: si riparte con 3V srl

Crema2020 riassegnata: si riparte con 3V srl

L’appalto della prima fase di Crema2020 finanziato nell’ambito del bando emblematico maggiore 2015 di fondazione Cariplo viene affidato – a seguito della risoluzione del contratto con Geo Cantieri – alla 3V s.r.l. di Cisano Bergamasco (BG).

“Una notizia attesa”, commenta il sindaco di Crema, Stefania Bonaldi, “che cancella ombre e letture dietrologiche e pessimistiche. È passato del tempo, un cittadino potrebbe legittimamente chiedersi cosa è stato fatto: in questi mesi l’Amministrazione ha dovuto superare procedure codificate, con tempistiche dettate dalle norme”.

Questi i passaggi fondamentali. Il 2 maggio scorso, la Giunta aveva deliberato la risoluzione in danno del contratto, per grave inadempimento, riassegnando contestualmente i lavori. Il 6 maggio è stato notificato il provvedimento. Il 16 maggio è stata notificata al Comune la sentenza del Tribunale di Lagonegro – datata 10 aprile – del fallimento della Geo Cantieri. “Per vero”, spiega il sindaco, “il fallimento non inficia la procedura, anzi diventa motivo in più per la riassegnazione in via d’urgenza”.

Il 22 Maggio la 3V srl si è espressa favorevolmente alla stipula di un nuovo contratto con il Comune, basato sullo stato di consistenza lavori redatto in marzo: la somma di lavori eseguiti, opere aggiuntive e materiali di cantiere è pari a 204.114,28 euro, scontati i quali porta a un valore residuo di contratto di 655.799,39 euro (+ Iva).

“L’incubo di tutti gli amministratori pubblici è lasciare opere incompiute, e sappiamo quanto questo accada in Italia, anche senza responsabilità dirette degli amministratori stessi”, commenta l’assessore ai Lavori Pubblici, Fabio Bergamaschi. “Siamo quindi molto soddisfatti di questo esito; siamo riusciti, rispettando rigorosamente le procedure, a comprimere i tempi riassegnando il cantiere a una società interessata a lavorare subito in estate. Ne usciamo a testa alta”.

Cinzia Fontana, assessore al Bilancio, precisa il tema della escussione della fidejussione, del valore di 131.900 euro: “Anche su questo aspetto siamo andati avanti, perché se il cantiere ora procederà, la questione della risoluzione in danno è altrettanto importante. Con la consistenza dei lavori abbiamo contestato il nostro credito rispetto all’anticipo del 20% previsto dal codice degli appalti”.

Nei prossimi giorni la ditta bergamasca firmerà il contratto. È atteso che i lavori ripartano in estate e concludano entro l’inverno.

 

CREMA 2020 IN NUMERI

Valore totale del cantiere: 859.913,67 euro

Valore lavori eseguiti e materiali: 204.114,28 euro

Impegno di spesa contratto con 3V srl: 655.799,39 euro

(Visited 39 times, 5 visits today)