Dopo l’ennesimo, buono (ai punti, nel pugilato, i grigiorossi avrebbero stravinto), agrodolce (che pur creando assai, alla fine si raccoglie poco), incoraggiante pareggio interno col lanciato Cittadella dell’ottimo (ex) mister Roberto Venturato, la Cremonese, decimata da infortuni maledetti, sabato prossimo nel pomeriggio, alle 15 sarà a Brescia per sfidare i locali, in quello che si annuncia il Derby padano per Eccellenza! Intanto, anche per aver sbagliato (non si giudica mai un calciatore da un calcio di rigore, no?) un penalty lo scorso weekend proprio coi Venturato Boys, l’immenso, generoso, caparbio, tosto, mai domo, partecipe, fantastico capitano Andrea Brighenti, ecco è finito nel mirino della critiche.

Ora… per carità: ognuno, senza esagerare e con genuino rispetto, può dire ciò che pensa, ma onestamente, questo Brighenti, (il Capitanissimo sta a questa Cremo come Mandzukic sta alla Juve e Tesser, giustamente stravede per lui, ndr) non merita critiche eccessive ed esasperanti. In campo si fa un mazzo enorme, pressa, lotta, corre, col Cittadella ha giocato un tempo zoppo. Ebbene uno che fa sforzi simili, beh alla fine non può essere pure lucido in zona gol. No?

Ergo non “sparate” (metaforicamente parlando) e sparlate sul fantastico Andrea, attaccante magari non implacabile, ma utilissimo nell’economia globale della squadra. E se Paulinho, causa problemi fisici non fosse stato quasi sempre al palo e avesse giocato con continuità, col “Brighe” … avrebbe composto un bel tandem offensivo. Mokulu (altro illustre acciaccato) permettendo, naturalmente!

Stefano Mauri

(Visited 39 times, 19 visits today)
Share