Cristina Cappellini: Presa per il verso giusto la poesia è attuale ed emozionante

Cristina Cappellini: Presa per il verso giusto la poesia è attuale ed emozionante

“Per il verso giusto”? Ecco, la rassegna poetica tenutasi lo scorso penultimo weekend di ottobre a Soncino, come ormai certamente tutti saprete si è rivelata un successone. E ne abbiamo parlato anche con Cristina Cappellini, ex assessore regionale alla cultura, Donna impegnata del Fare, … volontaria culturale e “anima densa” proprio della kermesse culturale andata in scena pochi giorni fa nel meraviglioso PopBorgo Soncinese.

Chapeau: “Per il verso giusto” ha intrigato assai…

Grazie in effetti siamo soddisfatti di quanto siamo riuscite a fare. A breve ci ritroveremo e vedremo cosa fare per riproporre, il tutto, tra un anno. Mi concedi una battuta?

Prego…

Speriamo di riavere nuovamente Roberta Tosetti quale Delegata alla Cultura.

Beh effettivamente per quanto riguarda arte e cultura, l’amministrazione comunale di Soncino è parecchio sensibile, ricettiva e propositiva…

La differenza la fanno le persone e la loro volontà. Sulle rive soncinesi dell’Oglio in tal senso c’è gente appassionata e generosa disposta ad ascoltare e a mettersi in gioco. Sai spesso e volentieri si parla troppo di come ricorrere alla cultura per attrarre gente e manifestazioni e poi in concreto si fa poco. A Soncino invece il volontariato culturale è una concreta realtà. Tra l’altro uno dei segreti del successo di “Per il verso giusto” è stato quello di coinvolgere, per vari ruoli, compreso quello di leggere poesie, tanta gente del posto.

Cosa bolle nella tua pentola culturale?

Ho finito il mio romanzo, una storia particolare, a tratti noir, ambientato in parte a Soncino.

Ma c’è ancora voglia di poesia?

“Per il verso giusto” ci ha detto di sì, la cosa giusta è proporre la poesia non inquadrata quale strumento didattico, ma nelle comunicative vesti di ambasciatrice di emozioni. E’ insomma e innanzitutto comunicare l’arte poetica, ed è stato bello vedere ragazzi delle medie impegnati a scrivere poesie. E qualcuno ha scritto versi speciali.

La politica non ti manca?

No sono troppo impegnata a fare tante cose. L’unico rammarico è quello di non essere riuscita a portare avanti in presa diretta i discorsi avviati col mio assessorato culturale.

E da fuori che ne pensi della politica italica?

Mah … regna il caos, la situazione è fluida e il panorama nazionale è precario assai.

stefano mauri

 

(Visited 38 times, 38 visits today)