Dai… gusti calcistici a parte, ecco, Fabio Bergamaschi è un buon amministratore moderno, no?

Dai… gusti calcistici a parte, ecco, Fabio Bergamaschi è un buon amministratore moderno, no?

Dai… gusti calcistici a parte (si può tifare Inter in quest’Italia, fluida 4.0?), ecco, Fabio Bergamaschi è un buon amministratore moderno, no? Secondo me, per carità esprimo solo il disinteressato parere del pirla che sono, sì … con tutti i pregi e i difetti del caso, il modernista, riformista e, soprattutto lungimirante Bergamaschi è futuristicamente d’avanguardia.
Non è quindi un caso se dopo anni di immobilismo, Crema, capitale del Granducato del Tortello stia mutando la sua fisionomia anche attraverso l’assessorato del “Berga”, colui il quale, Partito Democratico, alleanze e strategie future permettendo, tra tre anni, condizionale rigorosamente d’obbligo potrebbe diventare il candidato sindaco ideale del centrosinistra per il dopo Bonaldi.
Pensiamoci un attimo: con Stefania Bonaldi in Regione, magari al posto di Matteo Piloni che meriterebbe di guardare oltre, verso Roma e … il poc’anzi attenzionato Bergamaschi in piazza Duomo, centrodestra, sovranisti ed equilibri permettendo, la ridente (ma c’è ancora da ridere?) realtà cremasca, area tipica perché unica, ma schiacciata un pochino tra Lodi, Cremona, Milano, Piacenza, Treviglio, Bergamo e Brescia, mah … probabilmente avrebbe la ghiotta chance di continuare nel solco intrapreso tempo fa. Ah … tra l’altro se nel resto d’Italia il Pd e la sinistra le buscano ovunque, ma a Crema, Cremona e dintorni continuano a vincere, al netto delle colpe del centrodestra e dei suoi candidati, il merito in parte è … attribuibile anche ai vari Stefania Bonaldi, Piloni e Bergamaschi, no?

Stefano Mauri

(Visited 67 times, 67 visits today)