Domenica mi racconto. Ardigò, questa amministrazione dipende dai partiti e non ha idee innovative

Domenica mi racconto. Ardigò, questa amministrazione dipende dai partiti e non ha idee innovative

I tuoi pensieri sulla Giunta Bonaldi?

Durante la campagna elettorale ha ben dimostrato, come Renzi a livello nazionale, che far credere di non essere dipendenti dai partiti, ma decidere autonomamente e’ un’arte vincente. Ora tutto è cambiato, ma nella politica gli errori non si ammettono: certe logiche si giustificano da sole. L’amministrazione ahimè si è chiusa a cerchio ed è senza idee innovative, vive di iniziative personali, ciò ha provocato uno scollamento del tessuto produttivo – sociale e l’ isolamento. Per uscire dal guado servono le idee e il coraggio di intraprenderle. Ora attendo iniziative di sicura innovazione, come i pannelli solari al mercato coperto con l’azionariato diffuso, l’ ex stazione di benzina a porta Garibaldi con una stazione di ricarica per auto elettriche, un mercato Austroungarico vivibile e innovativo, una via XX settembre senza marciapiedi con i paletti che si alzano dal pavimento per le auto. Dal lato ambientale auspico la tutela del Moso e considero un grave errore l’ampliamento dell’area  Ipercoop con un distributore di benzina. Infine una parola sul canile, eterna questione di non volonta’ decisionale dove era gia’ tutto pronto vicino a Offanengo per la sua realizzazione; beh mi auguro che la scelta fatta a Vaiano Cremasco sia quella giusta.

Gli spazi verdi cittadini (giardini Porta Serio, Bonaldi, campo di Marte e Chiappa) sono sfruttati al meglio oppure potremmo viverli meglio promuovendo ad esempio, al loro interno fiere, eventi e manifestazioni?

Per questi chiedo da tempo il censimento degli alberi  in modo di avere un quadro della qualita’ delle piante e del loro numero. Abbiamo strani concetti sui parchi, li viviamo solo un po’ al sabato e la domenica, sarà così finchè non riusciremo a  inserire nel tessuto rubano tali realtà e la vera sfida e’ renderli fruibili per la maggior parte dell’anno. Come ? Creando volutamente passaggi e percorsi che passino in mezzo il verde, poi ci puo’ stare l’evento importante, ma non deve essere l’elemento fondamentale, i giardini devono diventare luogo in cui ogni persona possa ritagliarsi il proprio spazio, per correre, camminare, leggere, parlare e perche’ no come avviene in Inghilterra, un posto libero dove la gente possa esprimersi.

Come si sta muovendo Crema in prospettiva Expo?

Il tema interessante dell’expo riguarda l’agroalimentare e l’impatto sulle generazioni future, un tema per il nostro territorio ormai privo d’identità, con l’agricoltura diventata imprenditoria, con un territorio poco valorizzato e con la prospettiva di vivere il momento senza pensare al futuro. Occorre proporre pacchetti “ stracciati “ per attirare gente e dovremmo creare corridoi alternativi tra i vari comuni facendo così conoscere opere o altro che non sappiamo neanche che esistono.

Ma al posto della riqualificazione della Paullese non era forse meglio allestire un cosiddetto metrò leggero per unire Crema a Milano?

A tale proposito pochi ricorderanno che avevo fatto passare una mozione per far arrivare il metrò a Paullo chiedendo al comune di Crema di farsi portavoce della proposta. Anni fa proposi pure, tra l’ilarità di molti, di allargare la statale creando corsie preferenziali per i pullman. Tali scelte sono cadute nel vuoto, ormai le strategie sono delineate, con grande dispendio di denaro, con un percorso che intasera’ il tutto e il collasso si compirà con l’apertura della costosa, visto che andare da Brescia a Milano costerà circa dieci euro, “ autostrada verde Brebemi “, la chiamo cosi solo perche’ e’ dipinta  di verde. Eh si, pagheremo tali scenari caramente, sia dal lato ambientale che da quello sociale.

 Stefano Mauri

 

(Visited 18 times, 7 visits today)