Sì possiamo tranquillamente affermare che coi suoi tre profili, la pagina pubblica, i relativi oltre 15mila amici su Facebook (social forum sempre cliccatissimo), senza dimenticare il profilo Instagram e gli 8mila contatti telefonici: don Lorenzo Roncali, parroco della parrocchia cittadina di San Bernardino e Vergonzana, beh indubbiamente è uno dei sacerdoti più social, moderni, tecnologici e mediatici del mondo. Particolare non indifferente: don Lorenzo è soprattutto un bravo sacerdote moderno, vicino ai giovani e alle variegate realtà giovanili.

E … se qualcuno lo invidia o fatica ad assimilare il suo modo di fare, ecco forse farebbe meglio a conoscerlo di persona, a parlare con lui e, perché no a imitarlo. Amico del giornalista Pierluigi Diaco, causa il trasferimento ad altro programma della famosa voce di Rtl 102,5, don Roncali non interviene più in diretta sull’emittente dei very normal people per eccellenza, ma in compenso si è inventato un programma suo su Radio Antenna 5. Ebbene, in quest’immediata vigilia della discussa serata (convegno concerto sulla famiglia “Dove sta andando il mondo”?) del cantante Povia, presso il teatro dell’oratorio di San Bernardino (venerdì 27 ore 21): per parlare di questa stretta attualità e altro, con l’ex curato di Bagnolo Cremasco, volentieri abbiamo scambiato quattro chiacchiere.

Allora quante critiche hai ricevuto causa il discusso show di Povia, cantante un tempo sanremese ora icona pop di Facebook?

Allora ho parlato col mio bravissimo parrocchiano Tarcisio Zaffardi, l’autore della lettera di protesta al quotidiano La Provincia contro la rappresentazione di Povia e Gianfranco Amato e colgo l’occasione per invitare lui, il sindaco Stefania Bonaldi e quanti volessero in oratorio per assistere allo spettacolo gratuito. Chi verrà infatti potrà vedere in diretta che non si tratterà di un comizio politico, ma di una serata proiettata su tematiche familiari. A San Bernardino infatti ospiteremo essenzialmente il Povia artista provocatore, so inoltre che il cantautore si è rivolto al signor Zaffardi dalla sua pagina Facebook. Ecco magari a margine dell’incontro di controinformazione, che non va associato a un evento sociopolitico riconducibile soltanto al Popolo della Famiglia, magari avranno, qualora lo riterranno opportuno, l’opportunità di chiarirsi. Inviterei vivamente a lasciar perdere discorsi, assolutissimamente fuori luogo e assurdi sul fascismo e fanatismo partitico. 

Sei quindi sempre vicino ai giovani…

Certamente e non intendo mollare il dialogo con loro. In particolare, ricorrendo prima al contatto via social, poi all’indispensabile dialogo concreto e reale provo a coinvolgere gli adolescenti, giovanissimi questi, proprio a causa dell’età, più bisognosi di essere ascoltati, indirizzati e appunto coinvolti.

Hai un sogno nel cassetto?

Una volta l’oratorio di San Bernardino era frequentatissimo, oggi un pochino meno. Ed è un vero peccato poiché è tuttora un centro moderno e accogliente. Proverò in tutti i modi a riportarlo in auge, anzi ho già iniziato dato che la casa parrocchiale, periodicamente è aperta a giovani, giovanissimi che sono un po’ il nostro futuro, e a quanti vogliono.

Come va il tuo spazio radio sulle frequenze diocesane di Radio Antenna 5?

Ottimamente, scopritelo anche voi tutti i mercoledì sera a partire dalle 20.30.

Stefano Mauri

(Visited 110 times, 24 visits today)
Share