Due corsie Crema – Cremona? Veramente le priorità viabilistiche sarebbero altre

Due corsie Crema – Cremona? Veramente le priorità viabilistiche sarebbero altre

Per carità: qualora ci fossero le disponibilità economiche, ecco il raddoppio della Paullese nel tratto Crema – Cremona (al netto di camion e trattori mai intasato dal traffico ad onor del vero, ndr) dovrebbe iniziare già domani. Anzi, non sono già partiti i lavori? Mah …

Ciò detto ci mancherebbe: la campagna elettorale è un po’ come il calciomercato estivo, ergo le promesse aiutano a vivere meglio, a passare la nottata, ad avvolgere nella nebbia programmi nebulosi o incompleti.

Sì perché le vere priorità stradali, a mio modesto parere sono altre. Quali?

Innanzitutto ultimare la vera Paullese Crema – Milano e, secondariamente, se proprio vogliamo fare due corsie, ecco perché non farle su una strada che, dalla capitale del Granducato del Tortello conduca all’aeroporto di Orio al Serio? Già, quest’aeroporto oggi è uno dei centri più utilizzati e trafficati dell’Italia Settentrionale. Ma le arterie stradali intorno a esso sono rimaste, ahimè, quelle (e anche allora erano già anacronistiche) scassate di vent’anni fa. E vogliamo parlare della vecchissima, obsoleta e lenta stradina Crema – Lodi?

Suona infine strano che in pochi in questa avventura amministrativa regionale, così anche solo per vedere l’effetto che fa, si adoperino sul Serio (inteso come fiume e soprattutto come stazione di Crema) affinché arrivino finalmente nuovi, sicuri, puliti, moderni treni sulla tratta ferroviaria Cremona – Crema – Milano. No?

Stefano Mauri

(Visited 121 times, 10 visits today)