E così l’insicura Crema è stata protagonista al convegno “Città e Sicurezza”

E così l’insicura Crema è stata protagonista al convegno “Città e Sicurezza”

Nei giorni scorsi in quel di Riccione si è tenuto l’importante convegno nazionale “Città e sicurezza, nuove sfide per la polizia locale”. Tra i relatori, la presenza del vicequestore del commissariato di Crema Daniel Segre, quella del comandante dei vigili di Offanengo Marco Cattaneo e quella del sindaco di Madignano Guido Ongaro, oltre a non passare inosservata, ecco per il Cremasco che, in tema fa tendenza, indubbiamente è motivo d’orgoglio, no?

Questo quando via social, ma non solo, qualcuno non perde occasione per dipingere scenari apocalittici, da Bronx, per il Granducato del Tortello mai, secondo appunto secondo qualcuno, insicuro come oggi.

Intendiamoci, zone, scorci cittadini, porzioni di quartieri cremaschi presentano parecchie criticità: problemi da affrontare, discutere e analizzare. Soffiare sul fuoco e alimentare paure tuttavia non serve. O meglio giova alla politica per, secondo le situazioni, molto, molto in modalità “hard  – populismo – demagogico”… spostare altrove l’attenzione accendendo, amplificando allarmismi eccessivi.

Nel frattempo il progetto dei cosiddetti 62 varchi elettronici a protezione del territorio nostrano, oltre a essere diventato operativo, appunto come accennato poc’anzi è stato attore protagonista al meeting, ribadiamolo nazionale, sulla sicurezza tenutosi, dal 20 al 22 settembre scorsi in Romagna. Insomma il “Bronx”, la giungla autoctona, ehm … scusate, il “Cremasco”, mai come in questo caso ha fatto scuola.

Ah… i problemi e le criticità restano, ma affrontare il tutto con serenità, evitando di gridare, preferendo un sereno, costruttivo dibattito alla foresta dei social, mah… non è forse meglio?

 

(Visited 33 times, 8 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *