E’ il giorno del bando sulla moschea, alle 17.30 in consiglio comunale l’ultimo (circa) atto di una storia lunga 4 anni

E’ il giorno del bando sulla moschea, alle 17.30 in consiglio comunale l’ultimo (circa) atto di una storia lunga 4 anni

La Lega si è desta. Forza Italia non ci sta. Agazzi gli tocca prendere permesso dal lavoro e sbraita su Facebook tutto in caps lock accusando la Giunta Bonaldi di essere anticristiana, Soccini si inventa il Kremasch Hebdo e spara una vignetta ripresa dalla copertina di Charlie Hebdo.

Il gran giorno del bando della moschea. Luogo di culto, che serve limare le parole. Ore 17.30 consiglio comunale. Ultimo atto, circa, di questa vicenda. Poi tutto sta a vedere se qualcuno parteciperò al bando e questa moschea la si costruirà davvero o se in via Milano ci faranno solo il Palasport.

Passeremo a dare una sbirciata in sala degli Ostaggi. Probabilmente non ci saranno cittadini in sala a protestare. Lontani i tempi del consiglio aperto, lontano Salvini a Crema, lontane le firme ai gazebi. Quattro anni che la si mena attorno alla stessa cosa. La gente è stata presa per sfinimento.

Gli articoli di giornale si sono fatti sempre più labili, le difese e gli attacchi sempre più di parte. Alla fine anche questo sarà ricordato come un mester cremasch. Nel senso che i cremaschi non la vorrebbero. Come potevano l’hanno detto. Quelli che la vogliono l’hanno detto anche loro. Qualcuno ha avuto molto spazio per dire la sua, qualcuno ha dovuto ritagliarselo a spallate.

Poi alla fine sarà un bel cantiere come gli altri. Chissà quanti pensionati andranno a vedere i lavori.

Bruno Mattei

(Visited 20 times, 4 visits today)