E se Crema & Pergo dialogassero per “costruire” strutture e talenti?

E se Crema & Pergo dialogassero per “costruire” strutture e talenti?

Un top team calcistico cremasco, se mai ci sarà, sicuramente non passerà mai da una fusione tra Ac Crema 1908 e Pergolettese. Questo è poco, ma sicuro. Patria di Guelfi e Ghibellini nel pallone, il Granducato del Tortello, fedele alla politica dei campanili, mai, calcisticamente parlando, nonostante la crisi economica, unirà gli intenti. Ognuno comunque coi suoi soldi e le sue passioni può fare, ci mancherebbe, ciò che vuole, ergo congratulazioni al nuovo patron cremino Chicco Zucchi e al deus ex machina della Pergolettese (protagonista, nell’estate 2012 della clamorosa unione tra Pergo e Pizzighettone) Cesare Fogliazza: se in città il pallone gira ancora a certi livelli, beh essenzialmente il merito è loro. Ciò detto sarebbe tuttavia bello se, almeno a livello di settore giovanile (ma sarà ardua impresa agire pure in tal senso), i due maggiori sodalizi cittadini avviassero un dialogo proficuo, un dibattito all’insegna della qualità e a scapito della quantità, un discorso interattivo, ad ampio respiro volto alla valorizzazione di talenti autoctoni da lanciare in prima squadra o … esportare.

Infine, visto che Crema & Pergo non saranno più Cremapergo, considerato però che le due società sono rappresentate da persone serie e pragmatiche, la giunta comunale, eventualmente sacrificando il Voltini, farebbe bene ad abbozzare una trattativa sinergica tra le parti per dotare Crema, azzardando un project financing, di nuove strutture calcistiche.

Stefano Mauri

(Visited 99 times, 28 visits today)