Emiliano Fabbri, gentiluomo scrittore innamorato del calcio e Direttore del Fanfulla

Emiliano Fabbri, gentiluomo scrittore innamorato del calcio e Direttore del Fanfulla

Particolare non indifferente: scrive bene e ha già scritto ben tre libri (Il falco di Utrecht. Wesley Snejider – L’equilibrista. Vita e opere di Esteban Cambiasso. Centromediano metodista quasi allenatore – El Sharaawy Faraone Rossonero, ndr) dedicati al calcio. Oltre a saper scrivere sa parlare direttamente e chiaramente (nel senso che è chiaro e non ricorre a valzer parolai) l’italiano. Dote questa che in un mondo, qual è appunto quello del calcio italico, dove in pochi riescono a coniugare frasi e parole, ecco sicuramente non guasta.

Quindi sa parlare, sa usare penna, word e computer, quando parla con qualcuno lo guarda dritto negli occhi e soprattutto ha una bella faccia pulita e rassicurante. Si considerando tutte queste caratteristiche, il Cavenago Fanfulla ha fatto bene a riservare, il delicato posto di general manager, nonché di “ Direttore Capomastro” della delicata operazione Risorgimento (del Guerriero Laudense) al signor Emiliano Fabbri, calciofilo appassionato nativo di Frosinone (chissà, magari prima o poi scriverà anche una storia sulla storica promozione in serie A del team laziale, ndr) ma ormai lodigiano (e fanfullino) d’adozione.

Calcisticamente parlando, l’Eccellenza ad una città come Lodi va sicuramente stretta, ma non bisogna fare il passo più lungo della gamba e soprattutto occorre procedere con oculatezza evitando sprechi di denaro e inutili giri di parole tenendo a mente che a certe latitudini, il mondo che ruota intorno al pallone oltre che lecito business (diretto o indiretto) e passione è pure … giungla pericolosa.

Ma Fabbri (gentiluomo scrittore prestato al calcio) queste (e altre cose) le conosce bene e, come dicevamo prima, beh pare proprio la persona giusta al posto giusto. Così, aspettando il suo prossimo libro, in bocca al lupo a lui e al suo (per chi ama il football i bianconeri lodigiani sono … Leggenda), o meglio, nostro Fanfulla, squadrone tosto che contenderà, sino alla fine, la vittoria del campionato all’Ac Crema 1908. Scanzorosciate (o altri ) permettendo.

Stefano Mauri

(Visited 165 times, 38 visits today)