Eventi da coordinare, e una richiesta di dimissioni che sa di campagna elettorale…

Eventi da coordinare, e una richiesta di dimissioni che sa di campagna elettorale…

Allora lo scorso weekend, ecco un’infinità di eventi tra aperitivi, feste varie, festival e banchetti ha caratterizzato, o meglio, inflazionato il Granducato del Tortello. Intendiamoci… tante iniziative fanno solo bene a Crema e hinterland, ma il rischio è che i vari eventi finiscano alla lunga per sottrarsi… potenziali clienti, no?

Cosa fare? Servirebbe una cabina di regia, un ente (il fotografo Angelo Peia suggerisce la Pro Loco nella fattispecie e … non ha tutti i torti) che coordini le varie proposte evitando sovrapposizioni e, soprattutto, individuando il periodo migliore e opportuno da assegnare a ciascuna occasione.

Nel frattempo, causa diciamo un utilizzo non conforme alla destinazione d’uso di un capannone (a Ombriano, tanti mussulmani pur non potendo causa regolamenti vigenti, in massa hanno pregato, ndr) in via Rossignoli la Lega Lombarda del Granducato (a Crema la cospicua parte salviniana del movimento fu indipendentista, fiutando il momento, mah gradirebbe il voto e candidare un suo uomo, ndr) ha ufficialmente chiesto (via social addirittura a nome dell’intera collettività) le dimissione del sindaco. E … perché mai Stefania Bonaldi deve dare le dimissioni per un’eventuale mancanza di controllo da addebitare al massimo a chi doveva controllare? Fateci caso … cadiamo sempre qui: chi è, o era il controllore che aveva il dovere di fare le verifiche del caso in oggetto e segnalare mancanze o pericolosità nel caso riscontrate? Immaginate a Milano, Roma, Parma, Cremona, Bergamo, Genova, Venezia, Brescia e Treviso i (vari e svariati) primi cittadini rispettivi di quelle realtà … in giro a controllare cosa si fa nei vari immobili della città? Chiedere conto di eventuali mancanze è cosa buona e giusta, ma parlare a nome della cittadinanza, ergo compreso quel pirla del sottoscritto scrivente, sfruttando la risonanza dei social, per carità ognuno può fare e faccia tuttavia ciò che vuole, ehm pare un tantino elettoraleggiante.

Ah … sembrerebbe che a gentile richiesta di rimettere il mandato la Bonaldi abbia risposto per un bel … “vaffa”.

Signor sindaco, se così fosse la questione si fa grossa: si sta forse adeguando lentamente, ma inesorabilmente allo stile Grillo, Borghezio e populista? Mah …

Chiudiamo con un sorriso, ma senza esagerare: il riso del resto, risorsa essenziale, abbonda in Cina, da qualche altra parte, ma non è buono per tutte le occasioni.

Stefano Mauri

   

(Visited 97 times, 3 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *