Extraordinary Crema siamo soprattutto noi quando andiamo all’Expo

Extraordinary Crema siamo soprattutto noi quando andiamo all’Expo

L’Expo non risolverà i problemi e soprattutto i mali dell’Italia, anzi, in molti casi amplificherà le nostre tipiche bruttezze e le nostre perversioni, ma andare una o più volte alla rassegna internazionale milanese che si chiuderà a fine ottobre è una cosa da fare e rifare, così per vedere l’effetto che fa, per vedere come si sta.

Imprenditori e professionisti quali Tommaso Carioni (www.carionifood.com), Dennis Barbieri, Umberto Cabini, Luca Bandirali, Delfina Piana, Beppe Riboli, Matteo Martelli, Roberta Schira e altri con loro, lungimiranti, mentre pur facendo bene per carità, sulle rive del Serio pensavamo come portare gente a Crema in prospettiva Expo, hanno capito che la cosa migliore era, è e sarà andare all’Expo: andarci per lavoro, per mission, per gioco, per diletto, per sognare spegnendo per un attimo Facebook e accendendo testa, cuore e il fanciullo che c’è in noi. Si perché forse, per tempo quindi due o tre anni fa, la provincia di Cremona (organo abolito per finta visto che tuttora funziona) doveva fare sistema per davvero e coinvolgere gente (per esempio pescando nomi dalle nomination poc’anzi menzionate) per portare all’Expo le piccole Eccellenze di casa nostra. Si perché il bello dell’Italia sono anche rassegne tipo Expo, Cosmoprof , Vinitaly e similari e fa male vedere che certi (non tutti fortunatamente) politici rampanti ignorino tali opportunità arrivando, talvolta, pure a denigrarle sui social forum, oppure le utilizzino solo per spot elettorali.

Ergo Made in Crema (ha ragione il buon Renato Ancorotti non è il nome che fa brand di tendenza), Extraordinary Crema siamo soprattutto noi quando andiamo, siamo andati o andremo all’Expo e sono soprattutto quei cremaschi che tra i padiglioni moderni di Rho stanno portando, hanno portato e porteranno le rispettive mission imprenditoriali. Evviva l’Italia dell’Expo quindi. E che siano messi al bando quei disonesti che, credendosi furbi, mettendo in pratica atti fuorilegge e non consentiti, sull’Expo e le grandi opere ci hanno fatto,fanno e faranno creste, crestoni e altre furbate illecite.

Stefano Mauri 

(Visited 25 times, 4 visits today)