Fermiamo il degrado al cimitero Maggiore e nell’area Everest

Fermiamo il degrado al cimitero Maggiore e nell’area Everest

Francesco Parietti detto Franco, ex assessore (tecnico) ai tempi della giunta leghista capitanata dal sindaco Cesare Giovinetti, tra l’altro uno dei migliori assessori passati dal palazzo comunale cittadino sosteneva e sostiene, che l’efficienza di un’amministrazione comunale la si misura anche da come questa cura la manutenzione dei cimiteri cittadini. Anche l’ex sindaco di Capergnanica Gianpaolo Degnoni la pensa come Parietti. Ebbene, fatevi un giro al cimitero Maggiore di Crema e giudicate voi stessi lo stato (pessimo) in cui versa.

Pure certi parchi pubblici nostrani e alcune strade del centro storico non se la passano tanto bene, ergo forse l’amministrazione Stefania Bonaldi in tal senso, beh dovrebbe correggere le rispettive strategie, che la grande Bellezza artistica nostrana meriterebbe maggior cura e attenzione. A proposito, recentemente lungo il viale di Santa Maria della Croce, proprio a ridosso dell’ex area dell’Everest, che i nostri padri chiamavano Macchinette, per la cronaca una delle zone più degradate della città, con parte del vecchio (fatiscente e pericolante) stabilimento scambiato per dormitorio dai senzatetto, si è chiusa la Festa del Pd.

Ecco sarebbe auspicabile che, pure questo degrado socio ambientale, nel limite delle competenze per carità, venisse affrontato o, quantomeno, abbozzato dai politici di casa nostra. Che ne pensano in merito l’attivissimo (politico attentissimo e sempre sul pezzo) parlamentare Onorevole Franco Bordo e il pungente, acuto consigliere comunale Antonio Agazzi?

Stefano Mauri

(Visited 27 times, 4 visits today)