Il Cavalier Giovanni Arvedi e mister Giampaolo: una storia d’altri tempi

Il Cavalier Giovanni Arvedi e mister Giampaolo: una storia d’altri tempi

Presidente ho una richiesta dall’Empoli per tornare ad allenare in serie A. Posso andare o resto rispettando così il contratto“.

Più o meno così si è rivolto, mister Giampaolo, al suo datore di lavoro, vale a dire il Cavalier Giovanni Arvedi, due mesi fa, quando la panca del team toscano, rimasta appunto orfana di Sarri, fu offerta all’ex trainer della Cremonese. Tanti presidenti nel pallone, al posto di Arvedi avrebbero fatto il diavolo a 4 invocando ufficialmente il rispetto dei patti contrattuali per poi chiedere, ufficiosamente, contropartite tattiche (cioè in euro), oppure tecniche (calciatori). Il patron grigiorosso invece, senza nulla pretendere, al suo tesserato rispose da Signore (più o meno) così: “Vada pure”.

E questa rappresenta una bella pagina calcistica dei bei tempi andati da galantuomini che furono. Ora secondo qualcuno, (leggenda di provincia o perfida verità?) proprio per questo la Cremo fa fatica a vincere, mah. Ora però la musica, orchestra e orchestrali, nella stanza dei bottoni, stanno cambiando, chissà …

Stefano Mauri

(Visited 24 times, 15 visits today)