Il nuovo modulo juventino di Maz Allegri? Colpa o merito di Mandzukic

Il nuovo modulo juventino di Maz Allegri? Colpa o merito di Mandzukic

Ora, Mario Mandzukic è un vero e proprio pupillo per mister Massimiliano Allegri il quale, l’attaccante moderno croato (tatticamente mostruoso) lo farebbe giocare anche zoppo. Qualche mese fa però, per trovare la quadratura indispensabile… a schierare, contemporaneamente, la coppia (mostruosa sulla carta) Higuain – Dybala, beh l’ex centravanti di Bayern e Atletico Madrid (che per la cronaca anche Conte voleva, nella sua Juve, ai bei tempi che furono), suo malgrado era finito ai margini in panchina. E … in panca, SuperMario soffriva, eccome se soffriva.

E la sofferenza stava per spingere la stella croata altrove: verso le sirene ricchissime cinesi o in Inghilterra; così, per vedere l’effetto che fa, per convincere l’alleato di spogliatoio nonché allievo prediletto a … restare, Massimiliano (è contestabile: ma non è fesso e la materia la conosce) si è inventato quel 4-2-3-1, sorprendente fino a un certo punto e assai intrigante, che, di fatto, complice l’impiego nei tre, dietro Higuain, sul fronte centrosinistro, ecco ha trasformato, il forte Mariolone dell’ex Jugoslavia, nell’Eto’o bianconero 4.0. E Mandzukic per il momento gradisce e chissà, se i malanni muscolari lo risparmieranno e la fortuna lo assisterà, in Italia, ma soprattutto in Europa, il jolly offensivo caro ad Allegri potrebbe fare la differenza (pure) nel medio – lungo periodo.

Ciò detto, solo questioni economiche hanno impedito a uno tra Witsel, Tolisso (prenotato per giugno?), N’Zonzi e Bentancur (arriverà in estate) di trasferirsi a Torino lo scorso gennaio. Ma la Vecchia Signora è sempre vigile in tema di calciomercato.

Stefano Mauri   

(Visited 22 times, 6 visits today)