Il Pd cittadino contro l’audace Renzismo e il trasformismo è in fermento

Il Pd cittadino contro l’audace Renzismo e il trasformismo è in fermento

All’interno del Partito Democratico cittadino c’è fermento. Che i rapporti tra il sindaco Stefania Bonaldi (e qualche esponente della giunta) e una parte (compreso un pezzo storico da novanta del partito) del movimento di via Bacchetta non erano proprio rose e fiori è cosa risaputa e persino fisiologica, ma quel che è successo nei giorni scorsi, beh merita una Sparlata.

In Veneto la splendida Alessandra Moretti (il giornalista Giletti, ricambiato, stravede per lei) gravitata dalla sponda Bersaniana del partito a quella Renziana, anche se ora è in lieve disaccordo col leader fiorentino (vi ricorda qualcuno per caso?) nei giorni scorsi ha vinto le Primarie e sfiderà il leghista Zaia nella corsa per diventare Governatore del Veneto. Ebbene, dopo la vittoria della bella Moretti, Jacopo Bassi, segretario del Pd cittadino (applaudito da Stefania Bonaldi) sul social forum Facebook ha pubblicato il seguente post:

Auguri e buona fortuna ad Alessandra Moretti, ma non per aver vinto le primarie ed essere la candidata del centrosinistra in Veneto contro Zaia. Piuttosto, auguri perché dopo essersi candidata ed essere stata eletta in Parlamento nel 2013, dopo essere stata candidata ed eletta al Parlamento Europeo nel 2014, e dopo che sarà candidata nel 2015 per la presidenza del Veneto, potrebbe ancora fare in tempo a presentarsi per la partita dell’elezione del Presidente della Repubblica. Si parla di una donna, peraltro. E tanti auguri anche alla credibilità della politica, che è intaccata ed infangata dal comportamento di chi si candida per 3 volte in 3 anni per 3 ruoli diversi, mancando gravemente di rispetto agli elettori. E siamo ancora qui a chiederci da dove sia sorto un movimento come quello di Grillo?

Ebbene, noi ne stiamo sparlando, voi che ne pensate?

Stefano Mauri

(Visited 50 times, 6 visits today)