Incontro della Lega con l’ideatore della Flat Tax Armando Siri e prima uscita del candidato del centrodestra Zucchi

Incontro della Lega con l’ideatore della Flat Tax Armando Siri e prima uscita del candidato del centrodestra Zucchi

Un fisco più semplice e più equo. E’ il tema trattato nell’incontro‘Flat Tax, la rivoluzione in Italia è possibile’ organizzato dalla Lega Nord venerdì 10 marzo presso la sala convegni della parrocchia di Santissima Trinità. A fare gli onori di casa il segretario cittadino del Carroccio Andrea Agazzi e il segretario provinciale Raffaele Volpini. Due gli ospiti di eccezione: Armando Siri, giornalista economico, fondatore della Scuola di formazione politica della Lega Nord e Chicco Zucchi, commercialista e segretario nazionale della Confederazione nazionale Sistema Impresa, candidato sindaco nelle prossime elezioni comunali.

«Il nostro Paese – ha spiegato Siri – è vittima di un sistema fiscale che sta producendo assenza di crescita con ricadute negative sui redditi, sulla competitività delle aziende e sull’occupazione. E’ ora di attuare una rivoluzione culturale. La Flat Tax è il modo di farlo: un’aliquota unica al 15% per le persone fisiche e le società». Un’idea mutuata dall’economista americano e docente dell’Università di Stanford Alvin Rabushka, già consigliere del presidente Reagan. «La Flat Tax è applicata nei Paesi dell’Est che attirano i progetti di delocalizzazione dell’industria italiana ed è perfettamente costituzionale grazie alle deduzioni fiscali per i nuclei famigliari che tutelano la progressività del gettito».

«Un fisco meno avido e più giusto deve essere l’obbiettivo degli amministratori pubblici – ha detto Chicco Zucchi – ma in attesa di un atteggiamento più ragionevole da parte dei legislatori è necessario individuare il punto di partenza più utile per i contribuenti: dire basta ai nuovi balzelli. Ciò che non ha fatto il sindaco del Pd Stefania Bonaldi con la tassa del Dunas che a breve ci colpirà tutti in cambio di un servizio inesistente. La nostra città pagherà anche per Cremona e il primo cittadino non ha fatto nulla per impedirlo. Altri sindaci del territorio hanno fatto ricorso al Tar. Lei no. Inaccettabile. Come è inaccettabile che il Dunas si preoccupi di inviare le cartelle esattoriali ai cittadini solo dopo le elezioni favorendo, di fatto, il sindaco Bonaldi che sulla vicenda seguita ad essere omertosa,  rifiutandosi di fare chiarezza, complice di un comportamento che lede gli interessi dei cremaschi».

All’incontro, molto partecipato, erano presenti i consiglieri regionali Federico Lena e Carlo Malvezzi, l’eurodeputato Massimiliano Salini, il consigliere comunale Laura Zanibelli, il coordinatore comunale di Forza Italia Gianmario Donida e la presidente del club Oriana Fallaci Elena Freri. C’erano anche Angela Guerini Rocco e Massimiliani Zilioli, ispiratori delle due liste civiche che appoggiano Chicco Zucchi.

«Questo è il primo di una serie di incontri con i cittadini nei quali vogliamo affrontare i problemi strutturali del Paese e del territorio, fornendo soluzioni concrete» ha detto Agazzi. «Ci aspettano mesi importanti – ha aggiunto Volpini – al termine dei quali la città capo comprensorio, Crema, sarà chiamata ad eleggere il sindaco. E’ doveroso da parte nostra avanzare proposte concrete per il buon governo della comunità».

(Visited 45 times, 18 visits today)