Infinite code negli ambulatori dei medici di base della Città Giocattolo

Infinite code negli ambulatori dei medici di base della Città Giocattolo

E svegliarsi la mattina ancora  con te ,è la terza  notte  di fila che passo in tua compagnia… notti  passate a fare tanto rumore, chissà cosa avranno pensato i vicini di casa..,

Poverino Emanuele , bestia che tosse!

Forse è meglio che mi decido ad andare dal medico…  anche perché ho una salute cosi cagionevole che se dovesse scoppiarmi una bomba di fianco e per un colpo di culo mi salvo… sicuro con lo spostamento d’aria mi becco la sinusite…. Ci avete mai badato che le persone che tossiscono continuamente normalmente  dal dottore non ci vanno mai? In genere vanno solo al cinema, in biblioteca o alle conferenze oppure ti si siedono di fianco sull’autobus.

Comunque mi decido e ci vado.

La prima cosa da sapere indubbiamente è che se in africa ogni mattina una gazzella si alza e sa che dovrà correre…. in Italia Ogni mattina un anziano si sveglia ed arriverà comunque prima di te in fila dal medico di base. La seconda cosa da sapere è che tra le creature più pericolose in Natura si annoverano la leonessa coi piccoli, il cobra del Sud Africa Elapide della sottofamiglia dei bungarinil e l’anziano in coda dal medico.

Mi faccio coraggio e vado.

Entro e prendo posto in silenzio… Detesto quelli che quando arrivano nella sala d’attesa chiedono Chi è l’ultimo?” non li capisco proprio … Sei tu l’ultimo, no?

Mi metto comodo e tutti mi guardano come se fossi l’unico sano solo perché sono quello più giovane nella stanza.. un uomo col cappello mi dice ” cusa fet che?” Niente guarda … sto facendo una ricerca di mercato per sapere  chi sta male e chi no… Poi decido di tossire per far capir a lui e a tutti gli altri  di che pasta sono fatto…dagli sguardi pieni di rispetto  che mi rivolgono gli anziani credo abbiano  deciso di eleggermi capobranco.

Un consiglio: Diffidate delle vecchiette  che vi chiedono di passare avanti perché fanno subito, mentono sapendo di mentire.

Comunque  Che tristezza la gara di acciacchi che fanno i vecchi nella sala d’attesa del dottore. Stavolta ero straconvinto di vincerla.

Certo che qui il tempo non passa proprio mai… sono qui da cosi tanto  che non mi stupirei vedessi  uscire Achille dopo la visita di controllo al tallone

Per ingannare l’attesa intanto che aspetto il mio turno decido di leggere i coupon illustrativi… morale della favola grazie alla mia ipocondria cronica  mi sono autodiagnosticato tutte le malattie riportate su quest’ultimi…. Invece della ricetta per lo sciroppo credo  mi farò dare carta e penna per fare testamento.

Comunque in famiglia non sono l’unico ad essere così ipocondriaco…  lo è anche il mio portatile.  Infatti Il Norton dice che è tutto a posto ma lui è convinto di essere pieno di virus e va piano.

Certo che poi potrebbero metterli dei giornali più recenti cavolo…certi sono davvero un  po’  troppo datati… il signore davanti a me ne impugna uno  e scappa via gridando “Evviva, siamo una Repubblica!!

Mi faccio coraggio e anche io prendo in mano una rivista… un focus del 2011…

Un focus del 2011????  Mi alzo e torno a casa non ce la faccio proprio  ad aspettare tutto questo tempo.

Emanuele Cannizzo

(Visited 160 times, 34 visits today)