La misteriosa assenza dell’amministrazione di Crema al convegno degli industriali della provincia

La misteriosa assenza dell’amministrazione di Crema al convegno degli industriali della provincia

Una delle entità tormentone della serie Fantozzi che mi ha sempre fatto ridere era Il gran consiglio dei dieci assenti. Perfetta descrizione di un CdA aziendale che non c’è mai davvero ma che è sempre lì… a guardare il povero ragioniere. E di assenze che pesano come le presenze, forse di più, vogliamo parlare. Ieri, 11 ottobre, in quel della sede della Coim di Offanengo si è tenuta l’assemblea generale dell’Associazione Indutriali della provincia di Cremona. Il titolo era come sempre in questi casi altisonante: L’Italia che fa la differenza.

Per citare Camerini, sta volta, c’erano tutti: “la banda di Ultraflash, i “randa” del bar della stazione di Metanopoli, elefanti rossi ultrasensibili e giraffe della televisione, il bar Magenta in formazione da guerra al completo, i cani sciolti, gatti con sette vite, mangiatori di fuoco, naturalmente“…. Tutti tutti? No tra ministri e sindaci, industriali d’assalto e politici da sbarco non c’era nessuno dall’amministrazione di Crema. Non dico il sindaco, ne il vicesindaco, un assessore, un delegato, un consigliere comunale… un usciere. Una assenza che, continuiamo con le citazioni, stavolta tocca a Nanni Moretti, si è fatta notare più di una presenza: “mi si nota più se vengo, se non vengo o se vengo e sto in disparte”, recitava in Ecce Bombo.

Why? Because? Pecchhe? Non lo so. Svista o scelta? Di certo è una notizia curiosa.

Bruno Mattei

 

 

(Visited 48 times, 13 visits today)