Tanto tuonò alla fine quindi che piovve e … per la serie cronaca di un divorzio annunciato, alla fine, complice un feeling mai nato e … risultati poco appariscenti e convincenti, mister Ivan Del Prato, arrivato da Boario Terme giusto l’estate scorsa insieme al direttore sportivo Tassi (lui resterà?), a qualche calciatore, a tante speranze e a sponsor (De Paola, ex che poteva restare, no?) beneauguranti, la Pergolettese e appunto il poc’anzi citato trainer si sono separati consensualmente. E’ questo (e pochi mesi fa il lungimirante presidente Massimiliano Marinelli, beh, tra le righe aveva lasciato intendere che lui la vecchia rosa non l’avrebbe rivoluzionata) il fallimento del cosiddetto e forse mai decollato progetto rivoluzionario … “Darfo for Pergo”? Mah lo scopriremo vivendo, certo che con questo Modena che deve vincere a tutti i costi, trovare i giusti stimoli per fare bene in serie D non è semplice, no?

Ah … domenica in uno stadio Voltini ultimamente sempre più … desolatamente vuoto (ma è veramente insanabile la frattura tra Pergolettese e una parte della città?) andrà in onda il derby tra il lanciato Fanfulla e il barcollante Pergo (tornare a chiamarlo Pergocrema male non farebbe) e sulla panca gialloblù, siederà (aspettando di convincere uno tra Curti, Porrini, Tacchinardi, Hubner) il traghettatore (ma potrebbe pure restare con un pochino di fortuna) Matteo Contini, fino a ieri difensore dei canarini allora guidati da De Paola.

 

Stefano Mauri

(Visited 18 times, 18 visits today)
Share