La stagione culturale estiva parte con appuntamenti ogni sera fino al 20 settembre

La stagione culturale estiva parte con appuntamenti ogni sera fino al 20 settembre

Dopo l’apertura di sabato 27 giugno con la serata di anteprima che ha visto ospite lo scrittore

Premio Viareggio, Giorgio Van Straten, accompagnato da Isabella Bossi Fedrigotti, Andrea Kerbaker e dall’editore Francesco Brioschi, giovedì 2 luglio prende il via la ricca e variegata stagione culturale cremasca.

Nonostante le incertezze dovute alle misure per il contenimento epidemiologico da Covid-19 che hanno sospeso fino al 15 giugno la possibilità di programmare eventi dal vivo ed in presenza, l’Assessorato alla Cultura ha lavorato per poter organizzare una stagione culturale estiva ugualmente ricca e di qualità.Il Comune di Crema, anche per dare un segno concreto di sostegno all’intero comparto culturale, ha coinvolto le realtà culturali locali che da tempo collaborano a vivacizzare la vita culturale della Città per poter programmare una stagione estiva che propone un ventaglio di offerte che spaziano dalla letteratura alla musica, dallo spettacolo dal vivo per adulti e famiglie, dal cinema ad incontri con personalità note in diversi campi culturali.

L’idea di base è stata quella di recuperare “pillole” di alcuni festival tradizionalmente proposti alla Città che, per il 2020 non hanno potuto essere organizzati, confermare rassegne storiche quale I Manifesti di Crema, estendere il coinvolgimento nella programmazione a nuove realtà culturali anche sulla base del recentissimo Patto per la lettura della Città di Crema e una nuova e più salda collaborazione con Multisala Portanova.

Ne esce una stagione culturale estiva che fino al 20 settembre offrirà ai cremaschi un appuntamento ogni sera.

“La rassegna CulturaCrema Estate 2020 è per noi molto più importante ed emozionante di tutte quelle che l’hanno preceduta.” – dichiara l’assessora Emanuela Nichetti – “La nostra città ha molto sofferto nel durissimo periodo dell’emergenza sanitaria. La vivacità culturale di Crema ha fatto sì che anche nel periodo più buio dell’epidemia venisse segnalato da molti un forte sentimento di nostalgia e dispiacere per i tanti eventi e festival che non si sarebbero potuti realizzare. Per dare risposta a questa “voglia di cultura” non ci siamo fermati nemmeno allora e, grazie al grande lavoro dell’ufficio Manifestazioni Culturali, ci siamo spostati immediatamente sulla rete, con l’autoproduzione di video che sono diventati dapprima appuntamenti fissi e attesi sui social, quindi materiali fruibili sui canali YouTube di Biblioteca e Museo ed utilizzabili anche dai docenti della scuola primaria per la didattica a distanza.

 Appena si è intravista la possibilità di svolgere eventi in presenza, pur di fronte alle grandi difficoltà connesse alla loro organizzazione, abbiamo raccolto l’ardua sfida, riuscendo a predisporre in brevissimo tempo una rassegna culturale di qualità, nel rigoroso rispetto delle norme di sicurezza vigenti. Il nostro sforzo ha trovato l’immediata collaborazione dei direttori dei festival, delle librerie e della casa editrice partner del neonato Patto per la lettura di Crema, di musicisti e artisti, del Multisala Portanova: questo ci ha consentito di organizzare una stagione estiva in grado di  dare un significativo impulso alla vita culturale della città.

 Stagione estiva che ci conduce verso una “nuova normalità” grazie alla possibilità di tornare a fruire degli eventi in presenza, per riattivare avvenimenti sociali nei quali la comunità si ritrova, ricreando gli stretti legami tra cultura e comunità stessa che tanto ci sono mancati.”

(Visited 22 times, 22 visits today)