Le scuole cremasche ed i loro problemi: La Sinistra e i 5 stelle segnalano

Le scuole cremasche ed i loro problemi: La Sinistra e i 5 stelle segnalano

Due segnalazioni da parte de La Sinistra e del Movimento 5 Stelle riguardanti la manutenzione nelle scuole cremasche. Iniziamo dal comunicato di Emanuele Coti Zelati riguardante le scuole elementari Braguti:

 

Quando la mancata manutenzione nelle scuole elementari diventa un pericolo serio

Si immagini di essere in un bagno, al lavoro, e che, all’improvviso, scatti l’allarme antincendio: si prova ad uscire ma la porta è bloccata: si spinge ma non si apre e nemmeno da fuori si riesce ad aprire. Oppure si immagini di essere nello stesso bagno di prima e di sentirsi male: si riesce a chiamare aiuto ma non si può uscire perché la porta è bloccata e anche da fuori è impossibile aprirvi.

Ora pensate di avere dieci anni e di essere uno scolaro delle Braguti.

Oggi è successo, ma pare che non sia stata la prima volta, che un bambino è rimasto bloccato nel bagno perché alla porta mancano le maniglie! Questo nonostante le ripetute richieste di intervento che la scuola ha rivolto al Comune.

E’ questo un fatto gravissimo che, fortunatamente, non ha visto la trasformazione del rischio in incidente. Almeno oggi. Ma quel bagno, in condizioni quasi fatiscenti, è ancora là con la sua porta senza maniglie e i bambini che rischiano di rimanerci bloccati dentro con possibili conseguenze che è meglio non mettersi a immaginare: come se la cronaca anche recente non ci dicesse che i pericoli e le loro conseguenze drammatiche, anche nelle scuole elementari, sono sempre dietro l’angolo (o dietro una porta). Anche se una maniglia costa una decina di euro.

Galmozzi, l’assessore fantasma della scuola, invece che brindare nel Palazzo Comunale per i lavori di piazza Garibaldi dovrebbe preoccuparsi, ogni tanto, di dare un’occhiata alle scuole che deve seguire.

Pertanto ho presentato un’interrogazione per sollevare la questione della mancata manutenzione ordinaria delle scuole, che può diventare fonte di gravi rischi per gli scolari non solo alle Braguti ma anche alle altre scuole primarie, dell’infanzia e nidi della città.

L’attenzione del Comune pare essere rivolta ad altri orizzonti e quindi è importante che i genitori e le maestre (a cui va il plauso per l’attenzione ai nostri bambini) siano particolarmente attenti a rilevare situazioni di mancata manutenzione: come sempre sono disponibile a raccoglierle (attraverso l’indirizzo segnalazioni@cotizelati.it) per portarle nei lavori del Consiglio Comunale.

A seguire quello del Movimento 5 stelle riguardante l’asilo nido di via Pesadori:

 

ASILO NIDO DI VIA PESADORI – DANTE: L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE CONFERMA LE CRITICITA’ DELLA STRUTTURA E PROMETTE SOLUZIONI.

Dopo l’Interrogazione del Movimento 5 Stelle Cremasco relativa alle criticità presenti nella struttura di Via Pesadori/Via Dante, adibita ad asilo nido, l’Amministrazione Comunale di crema ha precipitosamente avvertito la necessità di intervenire sull’argomento, confermando che, allo stato attuale, la struttura non risulta del tutto a norma con le disposizioni in materia di prevenzione incendi.

A questo riguardo, il Movimento 5 Stelle, nel prendere atto che la procedura amministrativa volta all’adeguamento della struttura alle prescrizioni antincendio è in corso di svolgimento, auspica che essa possa concludersi celermente, in modo da tutelare concretamente le esigenze delle famiglie che fruiscono della struttura.

Accogliendo l’auspicio e la sollecitazione del Movimento 5 Stelle, l’Amministrazione Comunale afferma, inoltre, di voler dar corso alla realizzazione di una nuova Struttura che, finalmente, risulti idonea ad ospitare un servizio così delicato.
L’attuale struttura, con i muri del magazzino coperti di muffa, temperature inadatte sia nella stagione calda che in quella fredda e altre problematiche strutturali, non può essere il luogo adatto per un Asilo Nido.

Come su molti altri argomenti, anche in questo caso, è stata necessaria l’iniziativa del Movimento 5 Stelle Cremasco per far emergere, nella sua oggettività, la situazione della Struttura dell’Asilo nido di Via Pesadori/Via Pesadori e “strappare” all’Amministrazione impegni, sulla cui realizzazione il Movimento continuerà a vigilare.

Cordiali saluti,
M5S Cremasco

Gentilissimi,
di seguito dichiarazioni del M5S Cremasco in merito all’Asilo Nido comunale di via Dante/via Pesadori:

Durante i mesi scorsi, il M5S Cremasco si è interessato alla struttura e alle condizioni dell’Asilo Nido comunale di via Dante/Pesadori. Dopo aver ricevuto alcune lamentele in merito alle condizioni climatiche degli ambienti (freddi d’inverno e troppo caldi d’estate), sulla perdita d’acqua di alcuni wc e sulla necessità di approntare interventi di piccola manutenzione, nel mese di luglio il Movimento si è fatto promotore di un’Interrogazione, ricevendo una risposta molto generica e senza alcun impegno concreto da parte dell’Assessore Gennuso.
Dopo alcune settimane, avendo ricevuto segnalazioni di genitori che lamentavano l’uso di pannolini maleodoranti di muffa, il portavoce comunale Manuel Draghetti e l’attivista del M5S Cremasco Tina Bettinelli hanno visitato la struttura che ospita il servizio. Da un lato, si è avuto la conferma di un personale eccellente, disponibile, pieno di energia, passione e motivazione nell’accudire i piccoli: un capitale umano che rende il servizio un’eccellenza nel panorama cittadino e a cui speriamo sempre più famiglie possano accedervi.
Dall’altro lato si è avuta la riprova sulle carenze della struttura che accoglie il servizio. L’ambiente è molto umido, con temperature poco adatte alle diverse stagioni, con travi di legno che perdono polvere e pezzi; i pavimenti sono vetusti e rovinati e tali da non permettere la loro pulizia in ogni loro angolo. Sono ancora presenti le perdite di acqua dai wc. La condizione peggiore che si è potuto rilevare è quella in cui versa l’ambiente sotterraneo, ove sono presenti moltissima umidità, gran quantità di muffa su tutte le pareti, oltre che un odore insopportabile. Qui, purtroppo, vengono conservati moltissimi pacchi di pannolini e materiale vario.
Inoltre, leggendo il contratto di locazione dell’immobile stipulato tra la proprietà (Fondazione Benefattori Cremaschi) ed il Comune, reperito attraverso l’Albo Pretorio del Comune di Crema, sorge il dubbio che l’edificio potrebbe non essere dotato di Certificato Prevenzione Incendi (CPI). Per questa ragione, è stata recentemente presentata un’apposita interrogazione per chiedere se l’edificio sia fornito o meno di CPI o se sia stato comunque avviato il percorso per il suo ottenimento. È stato anche chiesto se l’edificio sia dotato di certificazione in materia di sicurezza impiantistica (impianto elettrico, riscaldamento, ecc.) e di documentazione attestante l’agibilità.
Purtroppo, si deve stigmatizzare il comportamento dell’Amministrazione che non è in grado di garantire adeguate condizioni per assicurare un’erogazione più consona del servizio. Ci si dovrebbe attivare, da un lato, per migliorare da subito la situazione attuale e, dall’altro, per trovare una struttura nuova ed adatta in cui trasferire il servizio, per fare di Crema una città davvero ospitale.
Il M5S Cremasco monitorerà la situazione, in primis di questa struttura, ma anche quella di altri plessi scolastici, e stimolerà l’Amministrazione, proponendo anche soluzioni concrete, affinché si possa offrire uno spazio migliore per accogliere quelli che saranno i Cremaschi adulti… del futuro.

Cordiali saluti,
M5S Cremasco

(Visited 14 times, 14 visits today)