Maurizio Borghetti, medico radiologo ribadisce: a Crema fatte oltre tremila Tac. E dallo scorso 13 aprile il virus è meno letale

Maurizio Borghetti, medico radiologo ribadisce: a Crema fatte oltre tremila Tac. E dallo scorso 13 aprile il virus è meno letale

Medico Radiologo esperto, capace e … sì, curioso, sempre desideroso di imparare, di mettersi in discussione, Maurizio Borghetti, in prima linea sta lottando contro il maledetto virus dallo scorse mese di Febbraio. Particolare non indifferente: tanto durante il lockdown, quanto adesso, così per informare utilizzando parole schiette, semplici e rasserenanti, il dottor Borghetti, via social ha sempre scritto, spiegato e motivato, il modus operandi del Covid-19. E il suo è stato uno straordinario servizio illuminante, premiante (da premiare) squarciante, positivamente fuori dal coro, alla collettività virtuale e reale. Ecco in seguito un suo nuovo intervento …

Leggo di tutto su questa pandemia, imparo ragionando, la vivo nella mia linea (che sia la prima, o no, non è importante) ma preferisco scrivere qui. Preferisco parlare con chi…immagino avrei potuto essere al suo posto. Pur con le dovute necessarie norme di rispetto e riservatezza a cui ciascuno si deve attenere, ritengo che i social abbiano reso la comunicazione e l’informazione più ampia e democratica, potendo bypassare le modalità di arruolamento negli articoli, nelle riviste, nei grandi giornali, nelle grandi TV eccetera. Un po’ come è stato l’avvento di Youtube per la musica. O delle piattaforme radio ‘libere’ in internet.

In due mesi e mezzo a Crema abbiamo fatto più di tremila Tac torace per Covid e sospetti Covid, alla ricerca delle polmoniti, per valutare la loro estensione, per controllare il decorso. È quindi evidente che la Tac sia stata ampiamente utilizzata: e non sono il solo oggi a sottolinearne la validità e il rapporto col buon numero di falsi negativi dei tamponi. Ricordo di aver scritto sui social, lo scorso 13 aprile che le Tac nuove positive si erano sensibilmente ridotte (da 60-80 o più al giorno a 10 o meno ) e il post era stato ripreso dai mass media locali titolandolo come “il virus che ha perso forza”. Ebbene, senza la pretesa di essere considerato a tutti i costi un articolo scientifico, quello fu il primo intervento “mediatico” a indicare un sensibile cambiamento della incidenza di malattia, quello che poteva maggiormente interessare la gente chiusa in casa. Avrebbe potuto anche interessare altri, nessuno ha posto veti. Le modalità di approccio per diagnosi, ricovero e cura extra-ospedaliera non mi pare fossero sostanzialmente diverse, né al periodo precedente né a quello successivo. Da allora si è verificato il progressivo miglioramento della situazione per arrivare infine al contenimento attuale anche del numero dei decessi. Non pretendo, di aver ragione, ma fino a prova contraria il nodo centrale resta, secondo me, l’incapacità della epidemia virale di provocare, a un certo punto e con la stessa intensità e gravità, la polmonite interstiziale, diagnosticata con buona precisione dalla Tac. Il mondo scientifico è giusto ed è bene vada a valutare e studiare tutto quanto, verificando ogni possibile aspetto, ma non può prescindere da questo dato. E se l’ipotesi e, o la conclusione di un processo di valutazione non concordano, penso che possano avere un qualche difetto…sempre fino a prova contraria.

Dai Burdèl che ghe la fèm…

Così postò sulla sua pagina Facebook, Maurizio Borghetti, DocRock d’Italia…

sm

(Visited 628 times, 628 visits today)