Così Mimma Aiello omaggia il padre Ermete (nella foto è con lui e con la sorella Valeria), Avvocato da leggenda, grande Uomo e … “cremasco d’adozione” propositivo:
“Stasera abbiamo festeggiato mio padre a cui è stata consegnata la medaglia per i 50 anni di professione.
Un traguardo importante, quasi irrealizzabile per molti (io non sono mica sicura di arrivarci). Mi piace ricordarlo con una frase di Calamandrei che lui stesso ha citato stasera.
Perché lo rappresenta.
E perché è proprio un grande avvocato.
“Che vuol dire «grande avvocato?
Vuol dire avvocato utile ai giudici per aiutarli a decidere secondo giustizia, utile al cliente per aiutarlo a far valere le proprie ragioni.
Utile è quell’avvocato che parla lo stretto necessario, che scrive chiaro e conciso, che non ingombra l’udienza con la sua invadente personalità, che non annoia i giudici con la sua prolissità e non li mette in sospetto con la sua sottigliezza: proprio il contrario, dunque, di quello che certo pubblico intende per «grande avvocato”.
Chapeau!

Stefano Mauri

(Visited 161 times, 161 visits today)
Share