Nel calcio e in politica contano club, squadra, persone, idee e atteggiamenti…

Nel calcio e in politica contano club, squadra, persone, idee e atteggiamenti…

Mai come nel caso di elezioni amministrative, ecco, a fare alla fine la differenza, forse in definitiva dovrebbero proprio essere le persone. Ecco perché individuare il Candidato sindaco, sì quello con l’iniziale maiuscola è fondamentale, ma è altresì comunque (ci mancherebbe) importantissimo, parallelamente, costruirgli intorno una squadra – club (che conta pure ciò che ci sta dietro e intorno) degna di tale nome caratterizzata da uomini e donne con idee, atteggiamenti, contenuti e vedute illuminanti. No?

Ora a Crema, ridente (chissà poi perché ride sempre, mah…) capitale del Granducato del Tortello, i candidati in ballo verso le elezioni di giugno rispondono al nome di Chicco Zucchi, Stefania Bonaldi, Mimma Aiello, Carlo Cattaneo e Luca Grossi. Ergo se da un lato è doveroso focalizzare l’attenzione su queste persone (bisognerebbe votare chi incute fiducia globalmente e incondizionatamente. Per esempio voi votereste uno o una che tenta di vendervi un’auto usata taroccata oppure che non rispetta determinati patti, accordi e regole? ndr), d’altro canto dovremmo concentrarci tanto sui loro programmi e contenuti, quanto su chi gravita nell’orbita di ciascuno di queste personalità.

Del resto, alla fine, ecco saranno loro, (proprio) i personaggi gravitanti nella galassia dei candidati, che formeranno, al netto di fisiologici giochi e promesse, la squadra di governo del vincitore. E l’equipe guardando alle recenti esperienze amministrative caratterizzate, in epoche e periodi diversi, dai vari Giovinetti, Ceravolo (Primo e Secondo), Bruttomesso e Bonaldi, beh, se non è tutto è tanta roba. Quindi al bando moduli, tattiche, apparenza, fuffa, aperitivi, feste, tour e appelli e largo alle storie (in particolari quelle sussurrate), alle persone, agli sguardi e al futuro.

Stefano Mauri

(Visited 177 times, 5 visits today)