Offanengo, da oggi al via la mostra d’arte e grefica pittorica

Offanengo, da oggi al via la mostra d’arte e grefica pittorica

Da domenica 1 a lunedì 9 settembre 2019
Chiesa S. Rocco Offanengo CR
MOSTRA D’ARTE
GRAFICA E PITTORICA
Presentazione di Eleonora Petrò
Espongono:
Barbati Sandro
Brazzoli Riccardo
Ferrari Giulia
Frittoli Emanuele
Ghotra Nav
Mussi Nady
Ntawumburana Rene
Omacini Gian Battista
Stringhi Giuseppe
Inaugurazione
Domenica 1 settembre ore 18,00

 

ARTE GRAFICA E PITTORICA
“L’Arte come mezzo di espressione, condivisione e scoperta, un atto creativo che si manifesta
istintivamente in ognuno di noi sin dai primi anni di vita e degna di essere riconosciuta nella sua più pura espressione. Un germe primario indispensabile per la scoperta e l’esplorazione dell’Arte, che può protrarsi e ripetersi in ogni fascia d’età e che genera l’avventura della vita nel segno. Arte intesa come vettore unificante, a creare un unico corpo, dove i segni, forme e colori concorrono insieme nel raccontare la storia del nostro mondo tutto, attraverso ogni singolo uomo, nella ricchezza delle differenti origini e nella consapevolezza di un unico grande spirito.”
Giangi Pezzotti

Questa mostra d’arte collettiva, con la sua pluralità di sguardi e spunti ispirativi, offre un angolo visuale aperto ad opportunità relazionali e investigative del saper fare di amatori ed esordienti praticanti nelle discipline artistiche pittoriche e grafiche. Il progetto non nasce dall’intenzione di proporre artisti che abbiano sposato poetiche specifiche, correnti e collocazioni precise nell’ambito della storia dell’arte contemporanea, né dall’idea di collegare tracce nascoste tra gli autori; esso, piuttosto, genera una mission ben definita, che trova sfogo come occasione di avvicinamento ad artisti di generazioni e linguaggi differenti, senza mediazioni filologiche o collegamenti aprioristici.
Gli artisti sono stati scelti per la capacità del loro lavoro di incuriosire, di provocare piacere estetico, di testimoniare in modo originale lo spirito del tempo moderno, anche nelle forme dilettantistiche ed autodidatte. Ognuno di loro (chi con la pittura, chi con la grafica) approfondisce la conoscenza del proprio vissuto percorrendo un cammino di ricerca tra segni, cromie e forme, e la costruzione di nuovi universi che spaziano dal tratto più marcato fino alla dissoluzione dello stesso nell’entità fisica dei pigmenti pittorici puri, con una operazione concettuale nella quale il segno non è più la descrizione del reale, ma la dimensione dell’esistente avulso dal giudizio temporale.
Le opere in esposizione si accomodano le une alle altre creando una sorta di dialogo privato con il fruitore, un colloquio che realizza un sottile scambio poetico tra gli autori, in forma di dono reciproco, non dimenticando di sottolineare le proprie origini e le radici comuni, nell’ottica di una energia creatrice coinvolgente, in grado di affascinare e catturare un pubblico vasto e differenziato.
Eleonora Petrò

(Visited 81 times, 37 visits today)