Parcheggi e centri diurni disabili: prorogate le ordinanze fino al 3 maggio

Parcheggi e centri diurni disabili:  prorogate le ordinanze fino al 3 maggio

Ancora chiusi i servizi diurni per disabili, sia di natura sociosanitaria che socio-assistenziale (CDD, CSE e SFA) presenti sul territorio, e ancora gratis i parcheggi in città. Entrambe le decisioni, prese dal sindaco con ordinanze il 22 e il 23 marzo nell’ambito del contenimento del contagio da coronavirus, sono state prorogate con due nuove ordinanze che estendono queste misure fino al 3 maggio 2020, data che corrisponde alla validità dell’attuale lockdown secondo l’ultimo DPCM, del 10 aprile.

Per quanto riguarda gli stalli blu, in accordo con Gestopark, gestore dei parcheggi a pagamento nella città di Crema, e i parcheggi a disco orario, la decisione è assunta in considerazione della permanenza a casa di molti cittadini e della necessità, comunque, di favorire l’accesso a servizi essenziali in centro storico, negozi di generi alimentari o farmaci.
Anche per quanto riguarda i CDD, CSE e SFA, permangono le ragioni che hanno portato a ordinarne la temporanea chiusura, questa volta sino alla data del 3 maggio 2020 (eventualmente prorogabile).

Guardiamo tutti al 3 maggio prossimo con la speranza che possa rappresentare un giro di boa”, commenta il sindaco di Crema, Stefania Bonaldi, “anche per l’allentamento delle restrizioni e per le indicazioni nei comportamenti individuali e collettivi, dato che è evidente occorrano prospettive e non si possa continuare a insistere solo sullo ‘stare a casa’; ciò non di meno al momento il mantenimento delle ordinanze ci pare doveroso. Nel caso dei parcheggi, per facilitare l’accesso dei cittadini ai servizi essenziali del centro storico, e contemporaneamente agevolare coloro che erogano tali servizi ed i cittadini ivi residenti. Circa i Centri per disabili, abbiano essi valenza socioassistenziale o sanitaria, data la delicatezza del contesto di erogazione di un servizio ‘di comunità’ attendiamo indicazioni e garanzie più precise dalle Autorità Sanitarie circa una ripresa dell’attività in totale sicurezza, di ospiti ed operatori”.

 

(Visited 3 times, 3 visits today)