Pasquineide, Rossoni e Ardigò.. vincente e perdente per forza di cose

Pasquineide, Rossoni e Ardigò.. vincente e perdente per forza di cose

Settimana di “festeggiamenti” settimana di grosse polemiche, settimana di difficile interpretazione (per alcuni).

Questa settimana, per non infilarmi nella fin troppo scontata polemica contro il sindaco per le inutili dichiarazioni pro moschea, che ci propina in ogni salsa ed in ogni occasione, voglio focalizzare l’attenzione sull’evento principale di questi giorni, le candidature alle prossime elezioni.

  • Personaggio più della settimana è quindi d’obbligo la menzione a Gianemilio Ardigò.

Uomo tutto d’un pezzo, capace di dialogare con ogni forza politica e capace di proporre, costruire e lavorare sempre alla luce del sole. La sua candidatura, poco più che di bandiera è una soddisfazione perché premia l’impegno e la costanza.

  • Sempre in tema di candidature, il personaggio negativo è senza dubbio Gianni Rossoni

Ultimo esemplare di “volpe argentata della Lombardia”, ha colto l’opportunità di vincere facile trovando proprio nel suo paese lo scollamento dalla politica. Nessuno che si presenta alla carica di sindaco e il Gianni che vince alla bulgara……

L’avrei sicuramente preferito a leggere il giornale al parco, dopo una vita spesa indefessamente a sostenere il peso amministrativo della nostra regione. Ma si sa, la colla sul fondo schiena ha presa rapida su ogni poltrona.

Pasquino Cremasco

(Visited 13 times, 3 visits today)