Programmi, quello dei 5 stelle punta su sicurezza, ambiente e innovazione

Programmi, quello dei 5 stelle punta su sicurezza, ambiente e innovazione

Settimana scorsa presentando il programma di Cambiare si può di Mimma Aiello abbiamo detto che era il primo a circolare e ad essere inviato (quello di Zucchi lo avevamo sbirciato in bozza, gli altri nada per ora). Il buon Manuel Draghetti ci ha tirato le orecchie dicendoci che il 28 aprile il Movimento 5 Stelle il suo programma lo aveva già inviato a stampa e cazzari (noi quindi). E’ vero. Facciamo pubblica ammenda e lo presentiamo.

QUI per scaricare il pdf

Nella versione che abbiano sono 19 pagine che si aprono con la presentazione programmatica della lista:

Siamo cittadini prestati alla politica, incensurati e liberi dalle imposizioni di partito, che hanno come scopo quello di essere dei portavoce degli stessi cittadini e di offrire strumenti per attuare la democrazia diretta, ad ogni livello.

Il primo punto è l’esplicazione che il governo è dei cittadini:

Troppo spesso la parola “partecipazione” è utilizzata abbondantemente nei programmi dei partiti politici, per poi attribuirle l’interpretazione che più conviene, una volta arrivati al governo. Per noi “partecipazione” non è una parola, bensì un faro: è la causa e lo scopo di questo Movimento politico.

Quindi in questo paragrafo ci sono i cavalli di battaglia del Movimento 5 Stelle a Crema (e non solo): bilancio partecipato, strumenti di controllo diffuso, democrazia partecipativa e referendum propositivi e consultivi senza quorum.

Secondo paragrafo dedicato all’efficienza amministrativa, perché:

Una macchina degli anni ’50 non potrà funzionare nel migliore dei modi. Occorre farle un tagliando, sostituire il motore e magari anche la carrozzeria, per renderla più efficiente. Così un’amministrazione comunale deve saper rispondere alle esigenze dei tempi che corrono.

Sono tante ricette per l’efficientemente della struttura comunale.

Si passa poi ad economia e lavoro. Primo punto il progetto smart Crema con l’introduzione di una rete wi-fi cittadina, bello. Poi sostegno ai giovani imprenditori, revisione e potenziamento di Reindustra, baratto amministrativo, sistemazione dell’area del mercato.

Un bel paragrafo anche per le politiche sociali che inizia con queste parole:

La nostra Amministrazione vorrà affiancare tutte le associazioni di volontariato presenti sul territorio e i professionisti già operanti nel settore, con lo scopo di mappare le emergenze sociali ed utilizzare al meglio le risorse disponibili.

Ambiente. Si parte dalle bonifiche dell’amianto e dalla pulizia del Serio, due battaglie in corso da anni da parte del M5s. Ovviamente si parla anche di inquinamento.

Importante il capitolo dedicato alla sicurezza:

Un cittadino che vive in una città insicura non vive bene. La propria città deve essere come la propria casa. Lo Stato e il Comune devono essere coloro che fanno sentire il cittadino sicuro, mentre passeggia per le vie della propria città, a qualunque ora del giorno e della notte. La sicurezza è un tema importantissimo per il M5S Cremasco e faremo tutto quanto nelle competenze dell’amministrazione comunale per rendere Crema una città più sicura per i propri abitanti.

Chiudono cultura e turismo, scuola e università e sport.

Il primo punto del programma culturale recita:

Valorizzazione del patrimonio di Crema: un’amministrazione acculturata è sicuramente migliore. Il Movimento Cinque Stelle Cremasco si impegnerà a non lasciare abbandonati al loro destino palazzi o monumenti importanti (vedasi Palazzo della Provincia), collaborando anche con altri enti, realtà e associazioni.

em

(Visited 119 times, 2 visits today)