Renato Ancorotti, candidarmi sindaco? Se me lo chiedono

Renato Ancorotti, candidarmi sindaco? Se me lo chiedono

Imprenditore di successo (ramo cosmesi), politico appassionato (area centrodestra, Forza Italia), scrittore ed esteta, Renato Ancorotti, nei giorni scorsi, nell’ambito della trasmissione Storie e Persone è stato intervistato dall’emittente Trs Evergreen Tv. Ecco alcuni stralci più intriganti del suo intervento.

Quando sarà tempo di elezioni amministrative saresti disposto a candidarti sindaco?

Il lavoro mi prende totalmente e non è bello autoproporsi, ma se me lo chiederanno e se il centrodestra sarà compatto, beh potrei prendere in considerazione l’ipotesi di valutare opportunamente tale possibilità. Parlo soprattutto a livello nazionale e vedo che il centrosinistra il suo leader l’ha individuato, noi invece siamo frammentati, ancora dobbiamo trovare una guida.

E se fosse Matteo Salvini la vostra punta di diamante?

Massimo rispetto per la persona, ma lui è un leghista e in quanto tale non sarebbe del tutto rappresentativo.

La cosmesi tira, per supportare e valutare il resto dell’economia cremasca non sarebbe utile istituire un tavolo di lavoro, una cabina di regia a Crema?

E’ da quando si è insediata la giunta Bonaldi che avanzo tale richiesta, ma nessuno mi ascolta. Per aiutare l’impresa servono imprenditori più che politici, ahimè sin qui la politica ha fatto danni, troppi in materia economica. Pensate ad esempio alla scelta anacronistica di mettere l’embargo alla Russia di Putin.

Arriverà prima la Musalla o la cosiddetta tangenzialina verso l’area ex Olivetti, zona ove tra l’altro operano le tua aziende?

A noi la bretella per portare i camion in sicurezza verso le nostre aziende serve come acqua al deserto. In tal senso è quindi tempo d’agire. Per quanto mi riguarda poi non ho nulla contro l’Islam, anzi parlo, lavoro con mussulmani, ho amici islamici, persone queste che non hanno nulla da spartire con certi integralismi e fondamentalismi. Non penso sia una priorità la Musalla, ma se la Bonaldi la vuole la faccia pure, ma prima bisognerebbe stipulare un patto d’onore con la comunità islamica locale e mettere in chiaro alcune cose.

Stefano Mauri

(Visited 83 times, 7 visits today)