Roberta Tosetti, “La mostra Gant un successo grazie a Cabini e sui fantasmi”

Roberta Tosetti, “La mostra Gant un successo grazie a Cabini e sui fantasmi”

A Soncino, presso lo spazio espositivo (gioiello architettonico recuperato in una vecchia area un industriale) Vecchia Filanda, fino al 20 febbraio è possibile ammirare la mostra denominata, o meglio, conosciuta come Gant Movement (movimento caratterizzato dalla sinergica collaborazione tra artisti quali Frank Denota, Paul Kostabi e LAll), corrente artistica tesa, tra le altre cose, a spingere gli artisti graffitari a lavorare su tele lasciando così intonsi i muri delle città. E l’evento, beh sta riscuotendo un successo straordinario. Ne abbiamo parlato con la propositiva Roberta Tosetti, consigliere comunale con delega alla cultura.

Allora la kermesse Gant richiama attenzione o no?

Andiamo a gonfie vele grazie a numeri, inimmaginabili alla vigilia, altissimi di presenze. Sono felice che il Borgo soncinese, gioiello da visitare, grazie alle iniziative promosse alla Vecchia Filanda stia diventando un importante polo nell’ambito della promozione di arte contemporanea e moderna. Posso dire una cosa?

Prego…

Voglio ringraziare il dottor Umberto Cabini, imprenditore capace, esteta e mecenate generoso: Gant, di cui è main sponsor, ecco me l’ha proposta lui. E molti altri artisti, compreso il cremasco Gil Macchi, sulla scia del successone che sta vivendo appunto Gant hanno chiesto la disponibilità della Vecchia Filanda.

Bravi, a proposito, è vero che recentemente la Rocca Sforzesca di Soncino ha ricevuto l’interessata visita di un gruppo di cosiddetti acchiappafantasmi moderni e tecnologici?

E’ arrivata, tempo fa, una richiesta in merito, ma non so cosa abbiano poi trovato nel castello.

Ma avete notizia di attività paranormali da quelle parti?

Onestamente no e per quanto mi riguarda gli eventuali fantasmi, più che nella Rocca soncinese gli cercherei nella vicina località di Torre Pallavicina.

Il castello di Soncino rimane un luogo incantevole da visitare però…

Ovviamente ci mancherebbe e mi ripeto: consiglio una visita anche alla vicina Vecchia Filanda, esempio di ottimo recupero di luogo postindustriale. E chissà, magari visitatori e turisti potrebbero imbattersi in un fantasma. No?

Stefano Mauri

(Visited 57 times, 6 visits today)