Sara Armisi e iBiscottidiBele: Invece di portare rancore… portate biscotti

Sara Armisi e iBiscottidiBele: Invece di portare rancore… portate biscotti

Ah che bella storia è quella de … iBiscottidiBele (“Invece di portare rancore… portate biscotti è lo slogan identificativo”), meraviglioso laboratorio dolciario artigianale di Grottaferrata, (via Castellani 22 – www.ibiscottidibele.it): splendida cittadina laziale, in provincia di Roma, ubicata in quell’affascinante, in costante fibrillazione, realtà territoriale che sono i Castelli Romani. Per capirne di più ne abbiamo parlato con Sara Armisi, l’intraprendente maestra pasticcera, protagonista della storia in oggetto, che sì, si è reinventata nel bello del cammin della sua intensa vita. Chapeau!

Che facevi primi di scoprirti artigiana dedita alla produzione di biscotti e torte da forno?

Dopo la laurea in ingegneria edile purtroppo non riuscivo a trovare un impiego nel mio settore d’appartenenza. Oppure mah … era destino provassi a sperimentare altro. Così decisi di frequentare un corso di cucina e iniziai a collaborare con ristoranti e pub. Nel frattempo sono diventata mamma, ma … terminato il periodo di maternità, giunge la svolta: inizio a collaborare con un biscottificio, quindi elaboro e lancio un progetto tutto mio attento anche alle intolleranze alimentari. E nacque l’avventura de iBiscottidiBele, nome scelto direttamente da mio figlio Gabriele, il quale, da piccolino, quando gli si chiedeva come si chiamava … sì rispondeva Bele. E da lì il nome del laboratorio, con piccolo spaccio annesso, ubicato attualmente sopra un centro commerciale a Grottaferrata.

Hai un sogno nel cassetto?

Da piccola aiutavo mio nonno nella realizzazione del classico ciambellone. Forse il fatto che prima o poi mi sarei cimentata con l’arte pasticcera era nell’aria. E in un certo senso sto realizzando un sogno. Detto ciò mi piacerebbe che mio figlio, un giorno mi affianchi nel lavoro dedicandosi eventualmente a una linea tutta sua.

Sei operativa anche nella vendita on line?

Diciamo di sì, partirò appena si risolveranno piccole questioni burocratiche.

Oltre a biscotti per così dire tradizionali sei molto attenta agli intolleranti e in generale alla genuinità degli ingredienti…

Esattamente, da ingegnere abituata ai numeri ho dimestichezza coi conti, quindi ho studiato mirati, ponderati bilanciamenti ad hoc affinché ogni mia produzione non ecceda in zuccheri. Ah utilizzo materie prima di qualità assoluta provenienti praticamente da ogni dove. Le uova per esempio arrivano dal Piemonte, da Cuneo, mentre lo zucchero di canna deriva da produzioni equo solidali. E a breve utilizzerò pure una farina Tipo 1 derivata da un grano antichissimo.

Sbaglio o vendi pure vini e distillati?

Sì, sì … e nel limite del possibile riesco ad abbinare, ai biscotti o alle torte, le bottiglie più adatte.

Insomma, quella del biscottificio di nicchia, o meglio, d’autore, iBiscottidiBele è veramente una bella storia. No? Chapeau a Sara.

  stefano mauri

 

 

(Visited 137 times, 137 visits today)