Short Story, il “tennico”

Short Story, il “tennico”

Ma porca vacca puttana come si fa?! Vero che il colpo di testa è stato bello, anche se quel pirla di terzino dormiva, perché bisogna dirlo: una dormita della madonna! Però, dico, lì tra i pali c’è mica il primo baubau che passa per strada, se non è il numero uno al mondo, poco ci manca. E cosa ti fa?! Colpo di testa, bello, ma abbastanza soave, mica una legnata. E quello lì cosa fa? Il gatto di cemento armato!  Ma cosa ci vuole, dico io… bastava allungare un braccio e te la “ciapèt” al volo.

Ma quale sviluppo dell’azione, tutte palle! Se il Mister avesse sistemato il centrocampo come si doveva, di lì non ci sarebbero passati perché i nostri in mediana sono come una trincea fortificata. Il fatto è che è saltato il filtro, vuoi capirla o no?! Che cazzo me ne frega a me se mi tiri giù i laterali di spinta. Se sono laterali di spinta facci fare i laterali di spinta, aggiungi le due mezze punte al gioco di metà campo e quelli lì li mandavamo a casa.

Ma non dire cazzate! E poi è inutile che sto qui a perdere il tempo con voi. Non capite un cazzo di calcio, né di politica, né di fighe e né di motori. Andate a cagare!

Beppe Cerutti

 

 

Immagine: Carlo Carrà, Partita di calcio
(Visited 19 times, 4 visits today)