Soffocando, il delirante progetto elettro punk di Hunter Viniskia (quel pappagallaccio)

Soffocando, il delirante progetto elettro punk di Hunter Viniskia (quel pappagallaccio)

Hunter Viniskia ha fatto un disco. Si intitola “Soffocando” e sta su Soundcloud. Dentro ci sono tremila collaborazioni, che sospettiamo essere tutte fittizie personalità deviate dello stesso Viniskia, che a sua volta è la proiezione di un’altra personalità. Ci sono personaggi che ormai abbiamo imparato a conoscere su quell’altro blog che è una personalità deviata di Sussurrandom. Insomma un infinito gioco di specchi. Si perché tra le Garbage track, cioè i pezzi aggiunti alla fine che non si capisce da dove vengono c’è per esempio anche un “La, la, la” featuring Bruno Mattei, che si sa è la personalità deviata di chi scrive, e che già sarebbe sufficiente a invocare l’infermità mentale e a non scrivere una recensione di una cosa a cui forse hai partecipato, forse no, che cazzo ne so. Insomma c’è da perdersi a rincorrere Hunter Thompson o la mitologica Zia Carla.

Si ma la musica? Loro, i tanti Viniskia (pappagalli di sé stessi) la definiscono punk. Nello spirito in effetti lo è. Una completa anarchia sonora in cui non si capisce di preciso da dove emergano i suoni. Se dovessi mettere una pietra di paragone per cercare di partire in una esplorazione di questo disco direi che potrebbero essere una versione degli anni 2000 e rotti made in Città giocattolo dei Sigue Sigue Sputnik, ve lo ricordate quel collettivo anarcoide schizoide che negli anni 80 fece un piccolo successo con pezzi come “Love Missile F1-11” e “21st Century Boy”, elettronica e strumenti veri mischiati a testi deliranti e tracce pubblicitarie.

I testi deliranti qui sono pochi, appaiono in “Apparizioni” (mi si consenta il bisticcio semantico), il pezzo con la Zia Carla (mitica), in cui a Pino Delirio (altro personaggio deviante e deviato) a cui ad Ombrianello appare una madonna dotata di sirena blu. Siamo all’ottavo pezzo, poco prima del gran finale. E fino ad allora “Soffocando” ha offerto brani assurdi (a partire dai titoli: Fughetti, Cruiser, Drunking with HT…) che hanno allegramente mischiato new wave minchiate zappiane (ma senza tecnica) e alter cose varie raccolte dai bassifondi della peggior musica di Caracas.  Il disco si chiude con una sorta di solo di chitarra finto pompato e con “Mani tremanti”, le nostre presumo, dopo averlo sentito.

Poi le tre canzoni (!?!) aggiuntive che poco aggiungono (semanticamente e musicalmente). Non si capisce se Hunter abbia usato almeno uno strumento vero, se abbia usato qualche applicazione free per cellulare, se abbia copiato e messo in loop ritmi da discoteca anni ’90 dove finivano i Sigue Sigue e iniziavano a suonare gli Atari Teenage Riot in un calderone che neppure l’Egoista di via Diaz ha mai azzardato. In tutto sono 26 minuti e 56 secondi che farneticanti è dire poco.

Del tutto insensati senza uno straccio di direzione, di struttura melodica e mediatica. Per questo probabilmente ad oggi la cosa più fottutamente geniale uscita nella Città giocattolo fino ad oggi in questo 2018.

Emanuele Mandelli

(Visited 82 times, 14 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *