L’idea che muove l’iniziativa è far incontrare fotografia e poesia, due linguaggi apparentemente così diversi, uno rivolto espressamente all’attenzione visiva, l’altro a quella uditiva del ritmo e della musicalità. Eppure entrambi capaci di raccontare storie, di esprimere la realtà, di muovere le emozioni più profonde.

 

L’incontro di queste due arti si concretizza in una mostra fotografica collettiva, nella quale i  fotografi interpretano un testo poetico attraverso la loro capacità di sintetizzare in immagini la suggestione della parola.

 

Mentre la prima edizione  ha avuto come protagonista la poesia di Alda Merini, nella nuova edizione i fotografi dovranno interpretare un testo di Mogol, da loro liberamente scelto.

 

Gli organizzatori intendono riproporre la mostra con cadenza biennale. La prima edizione si è tenuta nel maggio 2017. Oggi Immagina giunge alla sua seconda edizione, che si terrà dal 4 al 19 maggio 2019 presso la sala ciminiera della Filanda.

 

Promotori dell’iniziativa e organizzatori della stessa sono:

Circolo culturale ARGO di Soncino

CineFotoclub Nuovefrontiere

Comune di Soncino

 

L’ammissione alla mostra è avvenuto attraverso un bando. Una apposita commissione presieduta dalla responsabile del museo di storia della fotografia di Brescia, dottoressa Luisa Bondoni, ha valutato le opere pervenute da parte dei 37 fotografi che hanno partecipato al bando. Di questi 26 sono stati ammessi alla mostra.

 

L’inaugurazione della mostra avverrà sabato 4 maggio, alle ore 17.15 nella sala conferenze della filanda.

A cura dell’organizzazione verranno promossi un paio di incontri/eventi pubblici durante l’apertura della mostra:

– mercoledì 8 maggio, ore 21: incontro con Walter Turcato, tutor e docente Fiaf sul tema della “Photo COVERS”

– domenica 12 maggio, ore 17: concerto in Filanda con i Vinil band

 

 

L’apertura della mostra seguirà i seguenti orari: sabato e domenica dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00

CONCEPT IMMAGINA 2019

Parole e immagini fanno parte ogni giorno della nostra vita, anche se si scade spesso nella loro banalizzazione, fino a renderle inutili e poco significative.

Eppure la parola e la fotografia sono strumenti meravigliosi per raccontare emozioni profonde, momenti importanti, sentimenti vissuti o ancora da esplorare e per questo attesi.

Le singole parole possono diventare uno scrigno di emozioni e ricordi nell’attimo in cui vengono legate tra loro e creano un componimento, una poesia oppure il testo di una canzone, e il testo di una canzone può suggerire una prospettiva nuova, un angolazione inusuale, uno scatto fotografico che ci porta ad un modo originale di osservare il mondo fissando in un immagine quella preziosa intuizione.

E’ questo che IMMAGINA ha chiesto ai fotografi che insieme a noi hanno accettato questa sfida, la sfida di far dialogare in modo creativo poesia e fotografia, di offrire la loro interpretazione originale di un componimento poetico a  chi ama ancora stupirsi e sognare.

Quest’anno, nella seconda edizione di IMMAGINA, ci siamo confrontati con i testi del maestro dei parolieri Mogol al secolo Giulio Rapetti , riconoscendo nella sua sterminata produzione molti momenti di autentica poesia che hanno accompagnato la storia di questi anni, anche quella personale.

Maurizio Amidani

 

Il mio canto libero  
Andrea Barelli

 

Non è Francesca  
Adriana Bertoletti

 

Abbraccia,abbracciali,abbracciati  
Romina Calini

 

Questi sono gli anni in cui i sarti contano più dei poeti  
Bruno Calzavacca

 

Vendo casa  
Paola Calzi

 

Pensieri e parole  
Marco Castagna

 

Impressioni di settembre  
Pier Cominetti

 

Vita  
Paola Cominetti

 

Le tre verità  
Gianluca Degli Innocenti

 

Vita  
Claudio Festa

 

Come Monna Lisa  
Pietro Forti

 

Emozioni  
Silvia Galli

 

Pensieri e parole  
Alessia Gatti

 

Ma è un canto brasileiro  
Giuseppe Giamblanco

 

La compagnia  
Michela Ghidini

 

Aver paura di innamorarsi troppo  
Lino Martinetti

 

Si viaggiare  
Isabella Moriggi

 

Impressioni di settembre  
Francesco Premoli

 

L’immensità  
Roberto Romagnosi

 

L’immensità  
Kiara Rossi Consolandi

 

L’onda  
Claudio Scaramuzza

 

Una vita da scordare  
Giovanni Spinelli

 

Prigioniero del mondo  
Giorgio Torriani

 

Io vorrei..nonvorrei..masevuoi  
Giambattista Uberti

 

Amarsi un po’  
Ilenia Zorzi

 

Oro  

 

(Visited 190 times, 190 visits today)
Share