Sussursport, è una Pergolettese in crisi ma non c’entrano soltanto le … zoccolette

Se la Pergolettese è spompata, non ha i novanta minuti nelle gambe e faticherà assai per provare a salvarsi (impresa problematica, ma finché c’è vita sperare è lecito) la colpa non è esclusività di un suo tesserato, nella fattispecie Cristian Tiboni, che ha passato una notte malincocaliente (a proposito, la crisi economica si sente pure in tal senso: una volta gli attaccanti del Pergo non faticavano a rimorchiare gratuitamente, ora devono pagare subito il ticket in contanti).

Sicuramente Tiboni eticamente parlando non ha dato un bell’esempio, ma, quanti suoi colleghi calciatori, allenatori e dirigenti più famosi (e attivi in latitudini maggiori) nel tempo libero fanno altrettanto o addirittura peggio? Ergo il suo gesto va stigmatizzato, ma non fotografa l’andamento lento (e comunque a gennaio, nella parentesi ad hoc del calciomercato forse si poteva pescare meglio dal mazzo) globale dell’infelice annata sportiva “cannibale”. Se purtroppo la stagione “canarina” sta letteralmente andando a … zoccole le responsabilità vanno attribuite al seguente mix: un mercato (quello estivo e il seguente di riparazione) non adeguato, la scelta sfortunata dei due allenatori (se i calciatori corrono col freno a mano tirato la preparazione atletica, beh probabilmente è stata un poco leggerina) pre Aldo Firicano e il peso specifico “variabile” dell’organigramma societario.

Ciò detto,  Cesare Fogliazza deus ex machina del club rivierasco cremasco, in un contesto generale tristemente in recessione è sempre attento ai conti, ergo almeno dal punto di vista finanziario il budget torna, occorre solo capire se e soprattutto come, Fogliazza investirà nel Pergocrema nel periodo medio – lungo.

Dulcis in fundo, domenica scorsa, lo stadio Giuseppe Voltini, aperto per affrontare la partita fondamentale (terminata con un pareggio utile soltanto ad allungare l’agonia) dei Firicano Boys contro il Santaracangelo è apparso svuotato di pubblico, pathos, passione e partecipazione. Ed è soprattutto su quest’aspetto, non tanto sul fatto che qualche tesserato frequenti ragazzaccie di facili costumi, che il buon Cesarone Fogliazza dovrebbe meditare.  Ah quanto sono lontane e quanto mancano la sintesi comunicativa di Lord Max Aschedamini e il pragmatismo di Agostino Alloni, “cannibali” veri ingiustamente ai margini di un progetto in cui, se coinvolti, anziché regalare titoli ai media locali saprebbero certamente portare qualcosa di concreto.

Stefano Mauri

(Visited 34 times, 7 visits today)