#Tu da che parte stai? Un fiore rosso per dire no alla violenza (di ogni tipo) alle donne

#Tu da che parte stai? Un fiore rosso per dire no alla violenza (di ogni tipo) alle donne

Un bel progetto che stigmatizzi l’opinione pubblica contro la violenza alle donne. Anche questo è la serata #Tu da che parte stai, lanciata ieri sera con una conferenza stampa cremasca al Gallery caffè, anche se in realtà la serata programmata per il 25 novembre, giorno internazionale contro la violenza alle donne, è fissata presso la Palestra delle scuole elementari di Casale Cremasco alle 20.45.

Ma ha un senso la presentazione a Crema, e l’esposizione mediatica, visto il numero di realtà coinvolte. Innanzi tutto Casale Cremasco ha aderito alla campagna lanciata da Artemisa centro antiviolenza Onlus e dalla cooperativa sociale Flo di Firenze

Una campagna semplice ma efficace. Appuntarsi addosso un fiore, prodotto dalle donne che lavorano nella coop fiorentina, la bella spilla simbolo della campagna antiviolenza lanciata dalle realtà extra cremasche che partecipano alla iniziativa, Artemisia e Flo. Una spilla che una volta affissa rappresenta l’impegno di ognuno di noi a riconoscere il terreno dove cresce la violenza di genere e ad intervenire per contrastarla.

Un bel fiore rosso e nero che mette in evidenza da che parte stiamo magari anche quando la violenza sulle donne si manifesta in modo strisciante: con un commento sessista, con un imposizione di abbigliamento, quando un uomo parla di una donna come un oggetto. Il fiore realizzato nei laboratori della cooperativa sociale Flo di Firenze che punta attraverso il lavoro a restituire dignità alle persone in difficoltò e afferenti a categorie svantaggiate.

Ma all’iniziativa aderiscono anche molte realtà cremasche: Associazione donne contro la violenza, il settimanale InPrimapagina (che ha una redazione quasi tutta femminile), l’istituto comprensivo statale Rita Levi Montalcini di Bagnolo Cremasco e quello di Sergnano. Infatti alla conferenza di presentazione erano presenti: il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini Bagnolo Cremasco, prof.ssa Paola Orini e il dirigente dell’Istituto Comprensivo Statale Sergnano, professor Giuseppe Noci e le rappresentanti dell’Associazione donne contro la violenza-Onlus Crema

Come sarà la serata? In prima battuta ci sarà la premiazione della Donna dell’anno a Casale Cremasco, Carla Avogadri, di cui avevamo già dato notizia. Poi canzoni e poesie a cura di Laura Rivolta e Luciano Bertoli, oltre che la presenza dei rappresentati di tutte le realtà sopra citate. Ma il comune di Casale Cremasco ha anche stolato un importante manifesto per dire No alla violenza contro le donne in 11 punti. Lo potete vedere tutto QUI.

Emanuele Mandelli

(Visited 86 times, 35 visits today)