Umberto Cabini: sindaco si… magari tra 5 anni, intanto “mercato coperto da rifare”

Umberto Cabini: sindaco si… magari tra 5 anni, intanto “mercato coperto da rifare”

Sì, senza dubbio, il dottor Umberto Cabini imprenditore illuminato, esteta appassionato d’arte e mecenate, presidente dell’Associazione industriali della provincia di Cremona, nonché Cremasco dell’Anno 2010, sarebbe sicuramente stato, indipendentemente dai colori e apparentamenti politici, un grande sindaco per Crema, ridente capitale del Granducato del Tortello. Questo è poco ma sicuro. Nell’autunno scorso però, in un’intervista rilasciata proprio a Sussurrandom, categoricamente e senza tanti giri di parole allontanò tale opportunità. Ebbene, a distanza di mesi siamo andati a trovarlo per parlare di eventi artistici da lui sostenuti e questioni di stretta attualità.

Intanto complimenti, la mostra di Gant a Soncino, da te sponsorizzata ha ricevuto tanti consensi, parecchi visitatori e, insomma ha entusiasmato…

E’ vero e sono felicissimo sia andato tutto bene anche perché, oltre a essere un grande evento artistico, beh dietro si propone la finalità sociale di trasferire i graffiti d’autore dai muri alle … tele. Vuole insomma sensibilizzare tale lodevole tendenza. A marzo poi approderà, come “From New York to Italy”, alla Camera dei Deputati in quel di Roma.

La realtà soncinese ben si presta per ospitare appuntamenti culturali e artistici, no?

Sì e lo spazio espositivo della Vecchia Filanda è veramente un ottimo posto, un validissimo esempio che recuperare strutture e investire in bellezza, alla fina appaga ed è buona politica.

Ti sei mai pentito di aver respinto sul nascere, qualche mese fa, la possibilità di partecipare, come candidato sindaco, alle prossime amministrative cremasche?

Sono abituato a portare a termine ciò che intraprendo e il mio mandato alla guida degli Industriali della provincia di Cremona, ruolo che intendo appunto rispettare fino alla sua scadenza naturale, ecco mi avrebbe, o meglio, mi ha impedito di scendere in campo. In futuro vedremo, ma ammesso e non concesso potrei fare qualcosa, la scelta oggi cadrebbe su una lista civica che la politica, questa politica, in generale non mi sta appassionando. Anzi la politica si svegli e si dia una mossa per sostenere il rilancio di Crema, città bellissima, densa di possibilità che deve tornare a correre.

Recentemente sulla tua pagina Facebook hai illustrato come inquadreresti la vicenda relativa allo spazio degli Stalloni e la collocazione futura, telenovela che dura da anni, del mercato degli ambulanti…

Innanzitutto smantellerei l’attuale mercato coperto (via Verdi, ndr), brutto, vecchio e antiestetico colpo d’occhio in mezzo a palazzi, in un quartiere meraviglioso a ridosso del centro storico dove, decisamente stona. Quindi restituirei gli Stalloni, polmone verde da vivere e recuperare pienamente, alla città. Le bancarelle del mercato, scoperto come avviene in tutte le città d’Italia e del mondo le piazzerei poi a ridosso del quartiere Portanova, altro contesto che meriterebbe maggior considerazione, nel vasto parcheggio del cinema Multisala. Opera questa importantissima e fondamentale per noi cremaschi. Fu un bene costruirla in città. Ricordo che, quando qualcuno avrebbe preferito allestirla a Madignano, mi battei per la sua costruzione a Crema: cultura è bellezza che illumina.

Ti piace veramente tanto la tua e la nostra città?

Viviamo in una cittadina gioiello che, col recupero definitivo della Paullese e le nuove importanti arterie stradale a essa collegate, certamente ne trarrà ulteriori benefici. Rimane il problema della ferrovia, con i collegamenti difficoltosi verso Milano. Speriamo che pure in questo caso, visto che qualcosa pare si smuova, la situazione migliori presto. Enrico Caruso, il curatore della mostra di Gant si è letteralmente innamorato di Crema, realtà fantastica che come ho detto poc’anzi merita dei politici attenti e impegnati al suo rilancio.  

Particolare non indifferente: Umberto Cabini ha le idee chiare, non le manda a dire e ha già una visione lungimirante su come potrebbe diventare una futuribile, cosiddetta Crema 4.0. Ergo sì, sarebbe stato un buon sindaco. Si candiderà tra cinque anni?

Stefano Mauri

 

(Visited 102 times, 27 visits today)