A cozzare, i meriti della Bonaldi e il formaggio sotto ostaggio

A cozzare, i meriti della Bonaldi e il formaggio sotto ostaggio
  • OCCHIO AGLI ASSIST

Rossano Salini, dell‘Inviato Quotidiano on line, è un ragazzo sveglio e colto, ben altro che me, che ho letto cento libri compresi quelli di scuola. Ma a volte l’eccesso di ragioni e la fluidità di scrittura fan perdere di vista l’obiettivo, che in genere si raggiunge con pochi colpi, precisi e duri. Se a Crema si vive bene, qualche merito la Bonaldi l’avrà, e confrontarla col sindaco di Cremona, il professor Cilecca, può essere inteso come un buon consiglio: elettori di Crema, diffidate del nuovo! Diciamo subito che si tratta di un entusiasmo che certamente ha un suo fondamento: Stefania Bonaldi esce forte dai suoi cinque anni di mandato, con un livello di fiducia elevato e con una sicura capacità di ridurre e contenere lo scontento.

Il perché è presto detto: dal momento che Crema è una città tendenzialmente bella in sé, vivibile e capace di farsi piacere da chi la abita a prescindere da ciò che fa un’amministrazione, chi è al governo della città deve innanzitutto premurarsi di non fare errori troppo clamorosi, tali da compromettere una simile situazione. I cremaschi sono per lo più contenti di vivere a Crema, e giudicano positivamente l’ambito cittadino in cui si trovano; ne consegue che siamo in una città in cui il sindaco uscente, se non fa errori madornali, parte da una posizione di vantaggio.

Diversa ad esempio è la situazione di Cremona, dove ci sono sacche di malcontento generalizzato molto più forti, a causa di problematiche irrisolte nel tempo (tra cui svetta il centro storico morente); pertanto nel capoluogo il sindaco uscente vive intrinsecamente una condizione di svantaggio. Stefania Bonaldi, secondo l’opinione di chi scrive, ha fatto ben poco. Ma al tempo stesso non ha fatto errori clamorosi, di quelli che si fissano in modo indelebile.

  • CAPIRAI CHE PROMOZIONE!

L’amico cremasco Antonio Agazzi ce l’ha con Cremona; da Sussurrandom:

–Ci hanno scippato il ‘Concorso dei formaggi’, organizzato per la prima volta a Crema ai tempi della Giunta Ceravolo, e l’hanno subito inserito nel loro Salone BonTa’– L’avessimo inserito nella nostra Sala degli Ostaggi chiedendo un adeguato riscatto, capirei il disappunto; strano invece che Stefano Mauri, che scrive così bene di cibi e vini, non abbia aggiunto due risate all’approdo nel Salone BonTà…..

Flaminio Cozzaglio

(Visited 144 times, 3 visits today)