A cozzare, l’intervista dell’Aiello agli Antipatici? Risposte buone per qualsiasi candidato di qualsiasi lista

A cozzare, l’intervista dell’Aiello agli Antipatici? Risposte buone per qualsiasi candidato di qualsiasi lista

PASSEPARTOUT

Nulla contro Mimma Aiello, anche se non mi è simpatica, ma questo brano della sua intervista al blog “Gli Antipatici” m’ha divertito: togli il nome, potrebbero essere le parole di qualsiasi candidato a ogni carica possibile, non solo di Crema, d’Italia! —Anzitutto vorrei cambiare il modo di pensare degli amministratori. Vorrei essere molto più vicina alle persone. Credo che l’attuale Amministrazione abbia creato una distanza con i cittadini, ostacolando in tal modo ogni possibilità di confronto. Al contrario, io amo l’idea di poter dialogare con la gente. Vorrei concretizzare questo pensiero attraverso il bilancio partecipato, facendo si che i cittadini partecipino attivamente alla realizzazione di opere all’interno dei vari quartieri. Mi piacerebbe poi costituire un tavolo delle varie confessioni religiose, in modo tale che tutti i cittadini si sentano partecipi dell’Amministrazione. Temi centrali del mio programma elettorale sono, inoltre, la sicurezza e la legalità.— Mimma però è molto più precisa di quanto appaia; sempre dall’intervista, ecco cosa intende per essere vicina alle persone: —Non considero la costruzione di una moschea una priorità, perché penso che anche gli islamici abbiano più interesse ad avere una città vivibile e pulita, un posto di lavoro, degli asili ben curati in cui mandare i propri figli, piuttosto che un luogo di culto, di cui, peraltro, già dispongono, tuttavia sono aperta al confronto—

Flaminio Cozzaglio

(Visited 110 times, 4 visits today)