Ac Crema 1908: obiettivo vincere e l’inno di Paolo Cella è già pronto a suonare

Ac Crema 1908: obiettivo vincere e l’inno di Paolo Cella è già pronto a suonare

Come gli anni scorsi, anzi, più del recente passato, quest’anno, il presidente dell’Ac Crema 1908 Chicco Zucchi sta allestendo una rosa assai competitiva per vincere, che l’obiettivo sarà solo ed esclusivamente quello di salire subito nel Cnd, il campionato. Già arrivati il nuovo preparatore atletico, fortemente voluto dal confermato mister Montanini, Spalti, tesserati i calciatori Capelloni, Nardi, Davini, Scietti e Dragoni, ecco gli arrivi non finiranno qui e, come spesso accade, saranno acquisti col botto.

Intanto i lavori di riqualificazione, con l’impresa Corna che lavora sodo, al centro San Luigi, in pieno centro storico nella capitale del Granducato del Tortello, proseguono spediti: da quelle parti nascerà il quartier generale etico (numerose le proposte socio – aggreganti) – agonistico (le rappresentative nerobianche si alleneranno a due passi da piazza Duomo quindi) cremino. Particolare non indifferente, in questa intensa fase di calciomercato, per colpacci messi a segno, calciatori trattati, procuratori contattati, trattative chiuse, ipotizzate e abbozzate, ecco, il team caro a Zucchi, colui che sogna il derby e ha rifiutato ogni ipotesi fusione, indubbiamente si è mosso come, se non meglio, di un club di categoria superiore. E l’inno ideato, scritto e cantato dal cremino rock Paolo Cella, hit stupenda che manco certi team di serie A possono vantare, sì è pronto a suonare accendendo il Voltini.

Stefano Mauri

(Visited 51 times, 12 visits today)